Milano-Limbiate:
finanziato il secondo lotto

Share Button

Graziano Delrio, Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, ha firmato, in data 7 marzo 2018, un decreto di riparto per 191,02 milioni di euro, finalizzato a migliorare l’offerta del trasporto pubblico locale nelle aree metropolitane per il completamento di reti metropolitane, di linee tranviarie e per il rinnovo/revisione del materiale rotabile.

Tra i fondi stanziati, compaiono anche i 40 milioni che serviranno a completare la riqualificazione del secondo lotto della tranvia Milano-Limbiate, ovvero della tratta compresa tra il deposito di Varedo e il capolinea di Limbiate. Fino ad oggi era, infatti, stato finanziato, ed è in corso la progettazione definitiva, solo del primo lotto, tra Comasina M3 e Varedo.

«Con queste risorse – afferma l’assessore ai Trasporti del Comune di Milano, Marco Granelli – possiamo dire di avere finalmente tutti i soldi che servono a realizzare il primo e il secondo lotto: 107,8 milioni dallo Stato, 13,6 milioni dalla Regione Lombardia, 9,8 dal Comune di Milano, 7,8 dagli altri Comuni e altri 15 milioni che dovremmo dividere tra Regione e Comune di Milano. Spero che ora tutti i Comuni diano il loro contributo, lo hanno già dichiarato Cormano, Paderno Dugnano e Limbiate» mentre, stando a quanto afferma l’Assessore, Varedo e Senago sembrano non essere ancora disponibili a finanziare l’opera.

Complessivamente il decreto comprende:

  • Milano – metrotranvia Milano-Limbiate: secondo lotto, 40 milioni
  • Torino – metropolitana linea 1: 21,74 milioni (7,44 per l’ ampliamento dell’officina e 14,3 per la fornitura due treni)
  • Genova – metropolitana: fornitura di tre unità di trazione, 15 milioni
  • Firenze – linea tranviaria 2: tratta Sesto Fiorentino-Polo Scientifico, 29,9 milioni
  • Roma – metro C, tratta T3: fornitura di 4 treni, 36,4 milioni
  • Napoli – metropolitana linea 6: tratta Mostra-Arsenale-Campegna, 38 milioni
  • Catania – tratta metropolitana Ferrovia Circumetnea: revamping del materiale rotabile, 9,986 milioni.
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail