ACTnews 2019

Share Button

Sezione dedicata alle foto-notizie riprese dai soci (ed eventualmente anche dagli amici). Le foto, per chi gradisce, possono essere inviate tramite mail a sito@amicitram.eu corredate da una didascalia (verranno pubblicate con la consueta maschera).


Da quando sul 16 ci sono solo le 4900 revisionate, quelle della seconda serie assegnate al deposito Baggio fanno sevizio solo sul 3. (18-01-’19)

4992 e 4948: l’originale e la ricostruita. (17-01-’19)

1504… quasi novant’anni e non sentirli. (14-01-’19)

Leggi tutto “ACTnews 2019”

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Sabbiere 2018-2019

Share Button
704 in viale Ca’ Granda. (14-01-’19)

704 in Ca’ Granda. (14-01-’19)

Alba sulla 713. (14-01-’19)

Leggi tutto “Sabbiere 2018-2019”

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Ca’ de Vin

Share Button

Da domani, 8 gennaio 2019, apre un nuovo punto di riferimento per gli Amici del Tram a Milano in piazza Firenze n°6, vicino al capolinea della linea 69, ma dove passano anche tantissimi tram: 1, 14 e 19, oltre al 57 ed al capolinea del 43!

Il locale è armonioso e luminoso, ha il soffitto fatto con i coperchi delle cassette dei vini, una particolarità unica nel suo genere. Ma l’importante è proprio il buon vino solo di Lombardia e prodotti agroalimentari lombardi a km 0!

L’interno del Locale, dal design rustico ma raffinato con l’accostamento delle piastrelle di gres porcellanato ed il cemento tinteggiato, nonché fatti a mano tutti i piani dei tavoli di legno massello e grezzo, le sedie sono firmate ma riverniciate in luogo, inoltre l’esposizione verticale dei vini vi porterà ad alcune scelte obbligate per non assaggiarli tutti, giacché sono più di 40 tipi diversi e tutti lombardi!
Appena entri, ecco il messaggio di benvenuto ricamato sullo zerbino d’entrata!

Mancano solo gli oggetti tranviari che presto arriveranno grazie al nostro contributo. Leggi tutto “Ca’ de Vin”

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

ACTnews 2018

Share Button

Sezione dedicata alle foto-notizie riprese dai soci (ed eventualmente anche dagli amici). Le foto, per chi gradisce, possono essere inviate tramite mail a sito@amicitram.eu corredate da una didascalia (verranno pubblicate con la consueta maschera).


Oggi le linee di superficie seguono l’orario festivo. Inoltre alcune linee modificano il percorso a causa del concerto di fine anno. (31-12-’18)

Un tram della linea 19 è ripreso in piazza Missori prima di imboccare via Mazzini. A causa del concerto di fine anno fa capolinea in via Dogana. (31-12-’18)

A causa del concerto la linea 16, proveniente da Via Monte Velino, “diventa” linea 12 e in piazza Missori gira in via Albricci alle volta di viale Molise. (31-12-’18)

Leggi tutto “ACTnews 2018”

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Natale 2018

Share Button
Treno di Babbo Natale in transito al binario 1, diretto al Polo Nord. (24-12-’18)

Tram Chanel in piazzale Cadorna. (22-12-’18)

1723 tra le luci natalizie di corso Vercelli impiegata nel tram di Natale dell’Associazione Rotabili Storici Milano Smistamento. (18-12-’18)

tram di Natale ACT. (16-12-’18)

Leggi tutto “Natale 2018”

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

tram di Natale 2018

Share Button

Era il 1985 quando per la prima volta l’ACT esordiva con il tram di Natale: la reginetta era la bianco-neve 1702.

Il primo tram di Natale effettuato con la 1702 nel lontano 1985

Oggi, trentatré anni dopo, l’evento tanto desiderato da bimbi, amici e fotografi, si è riproposto: alle ore 15.00 si è alzato il sipario sull’opera più bella e attesa di Natale.

si è alzato il sipario sull’opera più bella e attesa di Natale.

Avevamo a bordo l’unico e l’inimitabile Babbo Natale che, a suo tempo, lavorava all’Alemagna e sfornava proprio i panettoni milanesi (quelli veri!) e che si è adoperato ad affettare il mega panettone da 10 kg a marchio Cova, il quale, come tradizione comanda, accompagna l’evento e delizia i palati dei partecipanti.

l’unico e l’inimitabile Babbo Natale
via Cantù

Leggi tutto “tram di Natale 2018”

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

ACTnews 2017

Share Button

Sezione dedicata alle foto-notizie riprese dai soci (ed eventualmente anche dagli amici). Le foto, per chi gradisce, possono essere inviate tramite mail a sito@amicitram.eu corredate da una didascalia (verranno pubblicate con la consueta maschera).


<<vacca che latte>> il che è tutto dire, deve essere proprio buono però, visto che arriva a bordo di una “carrello”! (22-12-’17)

Decisamente fuori percorso la 1661 Miss Sixty in servizio sulla linea 10 diretta a XXIV Maggio, qui in transito in piazzale Cadorna. (21-12-’17)

Leggi tutto “ACTnews 2017”

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Porte aperte al deposito San Donato M3

Share Button

Alle 14.30 si parte dal deposito ATM di Baggio. Rientro alle 17.30.

Share Button

“Sotto un’altra luce”: porte aperte al deposito S.Donato

Nelle giornate di sabato 17 e domenica 18 dicembre 2016 ATM ha aperto le porte del deposito di San Donato ad appassionati, bambini incuriositi o a semplici pendolari interessati ad osservare ciò che sta dietro le quinte di un apparente semplice viaggio di un convoglio metropolitano

Leggi tutto “Porte aperte al deposito San Donato M3”

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Intervista al Presidente sulle tranvie di Desio e di Limbiate

Share Button

una parola chiara e decisiva

Intervista a Paolo Pagnoni, componente di #CRCU (comitato Regionale Consumatori Utenti) Regione #Lombardia. Gli è stato chiesto cosa sta succedendo sulla linea Milano-Seregno.

– Pagnoni: Mentre il tutto il mondo è un proliferare di costruzioni di nuove tranvie, noi che a Milano abbiamo la fortuna di averne ancora due extraurbane, una funzionante quella di Limbiate e l’altra in ricostruzione, quella di Desio-Seregno, si fa di tutto per distruggerle.

La linea di #Limbiate riqualificata dall’ex Assessore alla mobilità Maran facendo spendere, al Comune di Milano, ben 6 ML di euro, rischia di chiudere per mancanza di rinnovo dei tram stessi, quando basterebbe fare loro una revisione all’impianto frenante sostituendo i tubi dell’aria con nuovi di rame e quindi piccola spesa, ed aggiungendo una carrozza in più rispetto alle tre esistenti, in attesa della riqualificazione della linea promessa dalla Senatrice Censi e del Ministro Del Rio a suo tempo, a cui Sala però ha sottratto i 60 Mln di euro stanziati del #Governo e destinati alla ricostruzione della tratta fino a Varedo per passarli ad #Expo.

Nonostante che la Regione Lombardia sia disposta addirittura al prolungamento della tranvia fino alle Groane per interscambiare con la S9.

– L.F.: Per la linea Desio-Seregno sta invece succedendo l’incredibile

– Pagnoni: perché un sedicente Comitato contro l’abuso di suolo, ma quando hanno costruito le loro personali villette l’abuso di suolo non c’era? sostenuto a viva voce dal M5S di Seregno solo per mera questione di voti, come fanno tutti i partiti d’altronde, alla faccia del Movimento a favore dei cittadini di cui si vantano. Proprio così, perché nonostante i lavori siano iniziati, questi hanno presentato un’interpellanza affinché i lavori vengano subito fermati, e sono disposti perfino a stendersi davanti alle ruspe.

Nonostante che l’ex assessore Maran avesse dichiarato a suo tempo che le due tranvie erano di importanza vitale per l’afflusso degli studenti e dei lavoratori verso Milano, mentre Granelli tace. Soprattutto perché le linee ferroviarie che dicono essere parallele, ma non di certo a #Limbiate che ha solo il tram, sono oramai sature visto i treni dove si fa fatica a salire, vedi i vari reportage dell’omino con lo stura lavandini in testa.

Mentre il tram effettua un percorso con fermate capillari tra i vari centri importanti e nei quali tra l’altro ferma in qualche caso solo il treno. – Senza trascurare, ha aggiunto Paolo Pagnoni – Che la tranvia di Desio-Seregno è di vitale importanza tra l’altro per il collegamento diretto con l’Ospedale di Desio e che serve sia alla stessa Desio ma soprattutto a Seregno che vi è confinante, ma collega anche l’Ospedale di Niguarda a Milano.

Ma è evidente che questo sedicente Comitato, che ha aperto una pagina su #Facebook dove accoglie tutte le proteste che a loro fanno piacere, purtroppo “bannano” chi gli scrive contro e gli dimostra il contrario delle cavolate che dicono, non ha mai visto un #Ospedale e non vi sono anziani che hanno bisogno di recarvisi per le dovute cure e che di certo non possono guidare ma attendere l’unico bus che passa ogni ora.

Tra l’altro dopo aver bloccato questa Opera necessaria alla mobilità dolce per più di dieci anni, ora ci vengono a dire che è vecchia e superata, ed al suo posto si dovrebbero mettere autobus elettrici di nuova generazione che sono ancora sperimentali e non danno nemmeno la continuità di esercizio visto la carica delle batterie insufficiente per un simile servizio dato che durano per poche centinaia di chilometri, mentre il tram funziona sempre dalla mattina alla sera, questo significherebbe l’acquisto del doppio dei bus, raddoppiando se non triplicando la spesa visto i costi altissimi di questi veicoli che poi sono destinati come telaio e carrozzeria a durare come i normali bus, quando i tram ci sono già e sono stati finanziati dal Governo.

Dunque è solo che l’ATM di par suo non li ha ancora attrezzati per questa linea, a meno che questi soldi se li è mangiati l’amministrazione Pisapia a suo tempo togliendo dalle casse #ATM ben 120 Mln di Euro.

– L.F.: dunque mancanza di impegno a risolvere, per quale ragione?

– Pagnoni: è semplice la risposta, si sa che i tram non portano sostanziose tangenti perché durano più degli autobus, non consumano gasolio e nemmeno pneumatici (come quelli elettrici tra l’altro) tutti derivati del petrolio guarda caso, come dire che l’Italia è ricca di petrolio, tanto da impedire anche le trivellazioni.

Pagnoni conclude dichiarando: Come succede spesso nel nostro Bel Paese si vuole la botte piena e la moglie ubriaca!
Sì e no però. In questo caso però è NO perché si vuole solo ed esclusivamente circolare indisturbati con la propria auto, e quando si fanno lunghe code sulle vecchie statali durante tutto il giorno e non solo nelle ore di punta, non è piacevole vedersi superare da un veloce tram che corre in corsia riservata.

Auspicavamo un intervento della Regione Lombardia a favore dei cittadini ,ma da qualche settimana ci ha informato Paolo Pagnoni, la Regione Lombardia ha votato per la costruzione della tranvia o #metro #tranvia votando contro il #PD ed il #M5s.

 

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Un tram a tutta birra

Share Button

Alle 14.30 si parte dal deposito ATM di Baggio. Rientro alle 17.30.

Share Button

Un tram a tutta birra

Domenica 16 ottobre 2016 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail