Sulle orme del Gambadelegn
7ª edizione

Share Button

Sabato 7 e domenica 8 settembre è stato un fine settimana che ci ha visti impegnati su due fronti, il nostro giro in bus ed un bel treno a vapore.

La mattina di sabato ha visto la presenza di 11 Soci in partenza da Molino Dorino con l’ormai consueto autobus gentilmente messoci a disposizione da parte della Direzione di Movibus rappresentata dal Direttore dell’Esercizio Erasmo Taormina, che ogni anno si dà un grandaffare solo per noi e rendere così il giro sempre accattivante.

Tramite la bretella veloce di Expo che collega Molino Dorino con l’autostrada A8 in direzione di Varese partiamo per poi uscire a Legnano ed arrivare presso il deposito STIE in gestione a Movibus.

Il deposito STIE di Legnano. (07-09-’19)

Qui il nostro anfitrione ci ha accompagnati per una visita particolareggiata delle officine e dell’area di Deposito, dove abbiamo potuto ammirare diversi tipi di autobus e capire come avviene una gestione così impegnativa, sia per la manutenzione dei veicoli, sia per il loro esercizio.

Una particolarità appresa durante la vista e che abbiamo potuto fotografare sono due autobus Daily elettrici, i primi che hanno funzionato come servizio pubblico in Italia nella città di Legnano, e che grazie a Zoncada di STIE sono tuttora conservati, questi quindi hanno battuto come anteprima assoluta la più blasonata Roma.

I primi due autobus Daily elettrici che hanno funzionato come servizio pubblico in Italia. (07-09-’19)

Ripartiti da San Vittore Olona, dopo aver per bene visitato l’impianto che in origine era addirittura un deposito di carbone della tranvia a vapore da Milano, capolinea sito in via San Giovanni sul Muro di fronte al Teatro Dal Verme, a Gallarate inaugurata il 20 dicembre 1880, ci siamo diretti in bus verso Cuggiono.

Ad attenderci a Cuggiono di fronte alla Villa Annoni c’è la nostra guida Silvia, che ci ha condotti attraverso il grande parco con piante secolari ed uniche nel suo genere ed alcune dalle dimensioni gigantesche. Abbiamo visto la facciata interna della Villa Annoni di fine Ottocento con annessa limonaia, e l’ala aggiunta nel Novecento dove poi visiteremo il museo storico.

Villa Annoni di Cuggiono. (07-09-’19)
Un cigno nel parco di Villa Annoni. (07-09-’19)
Il gruppo. (07-09-’19)

Nel parco degni di nota sono la casetta dove il Conte con famigliari ed amici sorseggiavano un buon caffè con ampia vista nel verde, il laghetto dei cigni ed in fondo al parco il Tempietto dedicato allo stesso Annoni dopo la sua morte.

Il parco è diviso in giardino all’inglese con numerose piantumazioni, ed area agreste dove i contadini lavoravano la terra. In una parte c’è un vitigno autoctono sperimentale, poi vi è la “Leopoldina” una vecchia cascina utilizzata appunto dai contadini e che oggi è completamente abbandonata e nascosta dalla vegetazione. A lato della Villa si trova l’ingresso delle carrozze con viale alberato ed il vitigno dove la domenica dopo tutti i bambini di Cuggiono hanno potuto raccogliere l’uva per la vendemmia, una manifestazione fortemente voluta dal Comune di Cuggiono a favore appunto dei piccoli in modo di tramandare quanto facevano ai tempi i loro bisnonni. Questa manifestazione prende il nome di “Sagra del Baragieou”, un vino tipico locale che ha tratto la propria denominazione dalle zone agricole dove veniva coltivata la vite, chiamate “Baraggia”.

La visita al piccolo ma importante “Museo Storico Civico Cuggionese” ci ha riservato la grande sorpresa della giornata: un’autopompa “aspirante-premente” dei pompieri del 1915, perfettamente conservata e funzionante.

La sua storia parte da un telaio Fiat 18 B.L. r (rinforzato) fabbricato nel 1915 ed acquistato dalla città di Magenta, dalla quale poi il Comune di Cuggiono l’ha rilevato. Su questo in origine la “Società Anonima Officine Meccaniche Mario Tamini di Milano”, ha montato un serbatoio di acqua della capacità di ben 4.500 litri più le opportune valvole ancora oggi tutte di bronzo lucido, sia per l’innaffiatura delle strade polverose durante la stagione estiva, sia per i forti getti di acqua con manichette proprie.

Il Fiat 18 B.L. r (07-09-’19)

Pensate che questa autopompa dopo essere stata utilizzata anche a Milano nel secondo conflitto mondiale per spegnere gli incendi, ha continuato a lavare le strade di Cuggiono fino al 1973 anche se non erano più di terra battuta.

La rituale foto di gruppo con la presenza del Sindaco di Cuggiono Maria Teresa Perletti che ci ha portato i saluti di benvenuto della città, è stato il preludio al ritorno veloce a Milano via autostrada A4, dove l’autobus abilmente condotto per l’intera mattinata dal nostro conducente (Movibus) Salvatore ci ha lasciato per andare poi tutti insieme al ristorante e dopopranzo, in allegra compagnia, c’è scappata pure una visita alla Sede ACT.

La domenica dopo per nulla sazi dell’avventura di sabato un gruppetto di Soci ACT si sono ritrovati insieme in stazione Centrale il primo pomeriggio per andare in quel di Lecco ed attendere il “Lario Express”, il treno a vapore che domenica 8 settembre ha percorso l’itinerario Como-Lecco-Como.

Poi il dilemma: si va a fotografare il treno trainato dalla lucente Gr 740.278 sul ponte di ferro dell’Adda uscente dal ramo di Lecco del lago di Como, oppure si fa il viaggio in treno a vapore?

Lario Express sul ponte di Pescarenico. (08-09-’19)

Noi per la cronaca diciamo che ognuno liberamente ha scelto, così abbiamo sia le foto del treno storico sul ponte, sia le foto dello stesso convoglio sulla linea per Como, e naturalmente come gran finale altri ricordi sia video sia fotografici: oltre alla locomotiva a vapore, anche alla E 646.158, sia a Como, sia a Milano Centrale.

Come sempre gli ACT non si fanno mai mancare nulla.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

23 giugno: la 609 in viaggio sui binari meneghini

Share Button

Per il secondo anno consecutivo, il tram estivo ACT ha avuto come protagonista la due assi 609, ricostruita nel 1984 dall’ATM riutilizzando il truck e parte del telaio della vettura 700.

I partecipanti, sempre più giovani ed internazionali, dato che si sono registrate presenze dall’Austria e dalla Germania, oltre alle ben consolidate da Roma, si sono dati appuntamento alle 14.30 presso il deposito di Baggio, come di consueto.

il deposito Baggio. (23-06-’19)
Il gruppo in piazzale Perrucchetti, all’uscita del deposito. (23-06-’19)
via Victor Hugo. (23-06-’19)

La prima sosta è stata in via Cesare Cantù, dopodiché si è percorso un anello a nord del Centro Città, passando per piazzale Cadorna, corso Sempione, Cimitero Monumentale, piazza della Repubblica, Teatro alla Scala, fino a giungere nuovamente in piazza Castello, dove la 609 ha incontrato la 1847 “Innocent”, tappezzata di erba finta.

piazzale Cadorna. (23-06-’19)
corso Sempione. (23-06-’19)
Arco della Pace. (23-06-’19)
via Messina, ex Carminati e Toselli. (23-06-’19)
piazza della Repubblica. (23-06-’19)

Leggi tutto “23 giugno: la 609 in viaggio sui binari meneghini”

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

11 maggio 2019: gita a Verona

Share Button

Sabato 11 maggio 2019, un piccolo gruppo di Soci ACT si è dato appuntamento al binario 8 di Milano Centrale con destinazione Verona, la città diventata famosa per la storia d’amore tra Romeo Montecchi e Giulietta Capuleti.

Dopo esser giunti alla Verona Porta Nuova e dopo un breve tragitto con il bus di linea ATV, la prima tappa è stata piazza Bra con il “tempio romano della lirica” più famoso del mondo: l’area, tutta in fermento negli allestimenti per l’avvicinarsi degli eventi musicali della bella stagione (si fa per dire, date le temperature di questo mese di maggio!).

Prima tappa: l’arena.
Piazza Bra.

Leggi tutto “11 maggio 2019: gita a Verona”

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Hobby Model Expo Spring Edition

Share Button

L’ACT ha esposto a Novegro di primavera, sabato 6 e domenica 7 aprile 2019.


Gli “appassionati” di treni soprattutto la chiamano la cenerentola delle Fiere, ma noi siamo sempre ed ugualmente presenti! Questo perché il nostro compito non è un ego, ma un volere far divertire gli altri: grandi e piccini allo stesso tempo, un’apertura a tutti grazie ai nostri benamati tram. E mai come quest’anno abbiamo avuto segno di apprezzamento da ex tranvieri in pensione soprattutto tecnici e meccanici che hanno a suo tempo lavorato in ATM, e che in questi giorni o con i nipotini o con gli amici hanno fatto un salto a Novegro.

Leggi tutto “Hobby Model Expo Spring Edition”

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Porte aperte al deposito San Donato M3

Share Button

Alle 14.30 si parte dal deposito ATM di Baggio. Rientro alle 17.30.

Share Button

“Sotto un’altra luce”: porte aperte al deposito S.Donato

Nelle giornate di sabato 17 e domenica 18 dicembre 2016 ATM ha aperto le porte del deposito di San Donato ad appassionati, bambini incuriositi o a semplici pendolari interessati ad osservare ciò che sta dietro le quinte di un apparente semplice viaggio di un convoglio metropolitano

Leggi tutto “Porte aperte al deposito San Donato M3”

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Model Expo Novegro 2016

Share Button

Hobby Model Expo

dal 24 al 26 settembre

È dalle piccole cose messe insieme che si vede quanto è grande l’ACT.

Anche quest’anno l’ACT ha spopolato in materia, e con solo un piccolo plastico tranviario natalizio dedicato ai bambini; ma dove gli “appassionati” di fermodellismo, ed intendo quelli che quando si presentano ti dicono: «Sa, io ho…» ricordandoci quella famosa frase «Lei non sa chi sono io». Questi si ostinavano a cercare di individuare esattamente in che scala era, stracciandosi le vesti naturalmente dopo aver saputo che era un tram di legno unico nel suo genere e che funzionava a pile!!!

Per noi invece era bellissimo sentire i bambini dire: «Papà, guarda il tram di Natale», e quanti piccoli l’hanno esclamato!

 

Poi, sempre importante per noi, è stato inoltre portare a conoscenza del pubblico “esigente” una mostra di veri pezzi di antiquariato dei tram torinesi, tra i quali si trovava in bella vista un intero combinatore delle vetture serie 3100 ex ATM Torino oggi GTT.

 

La raccolta di cimeli dell’ex ATM di Torino: al centro il combinatore, pesantissimo perché completo, di un tram serie 3100, con a fianco un piccolo controller di carro ponte trasbordatore ed a destra si nota un sedile viaggiatori sempre delle vetture 3100. Si vedono inoltre i vari oggetti esposti, tra cui spicca la costruzione fatta appositamente da Manuel per meglio mostrare alcuni cimeli anche di piccole dimensioni

Molti i giovani ”appassionati” di tram che si sono avvicinati al nostro stand per sapere chi siamo e che cosa facciamo. Tra questi un ragazzino di 15 anni che è tornato a Novegro dopo due anni, ricordandoci di aver preso da noi un modello in scala dei tram romani e che alla sua età di 13 anni ha montato, poi lo ha esposto in un concorso al suo Paese ed ha vinto il primo premio. Inutile dirvi che con suo padre presente si è iscritto subito all’ACT, specificando che due anni fa era troppo piccolo per farlo.

Cosa dire quindi? Successo raggiunto, grazie anche alla partecipazione dei Soci che hanno presenziato allo stand, anche se una piccola pecca c’è stata: il trasporto ma non ci sentiamo di farvi una colpa, tra chi studia e chi lavora, però solo in due alternandoci siamo stati in alcuni momenti proprio in grande difficoltà.

Un doveroso ringraziamento quindi va giustamente dato a Manuel, che in qualità di responsabile della Sede ha curato l’esposizione dei cimeli a ricordo del nostro Socio Davide Penno, ed è stato presente a Novegro tutti e tre i giorni. Ma soprattutto a Claudio sempre pronto a correre in aiuto, sia mettendo a disposizione il proprio furgone, sia le sue “forti” braccia.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Un tram a tutta birra

Share Button

Alle 14.30 si parte dal deposito ATM di Baggio. Rientro alle 17.30.

Share Button

Un tram a tutta birra

Domenica 16 ottobre 2016 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Share Button

Giro speciale in bus riservato a Bernate e il Ticino.

Share Button

 

 

ultimo aggiornamento dell’articolo: 11 giugno 2016

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

San Biagio bagnato…

Share Button

La pioggia è stata solo un originale diversivo per il tram di San Biagio 2016 ACT!

Share Button

ASSEMBLEA GENERALE ED UN TRAM SOTTO LA PIOGGIA

Milano 7 febbraio 2016

La mattina alle 10:30 è iniziata in perfetto orario l’Assemblea Generale ACT che si è conclusa con un luculliano pasto composto di lasagne e risotto ai funghi e salsiccia che hanno riempito abbondantemente anche le pance dei più voraci soci ACT.

La torta chantilly poi ha concluso in bellezza le libagioni con grappa fatta in casa e caffè finali.
Il primo pomeriggio ci si è trasferiti tutti quanti al Deposito Baggio per il Tram speciale e qui ci siamo trovati una piccola sorpresa negativa che stava facendo andare a rotoli l’iniziativa di noleggio della 711, ma andiamo con ordine.

Stava proprio per iniziare male l’uscita con la 711, ma le maestranze ATM hanno dimostrato come non mai un attaccamento ai tram che li contraddistingue.

La nostra veterana 711 rimessa a nuovo nel cielino che ha subito una bella rinfrescata di bianco e l’aggiunta dei lampioncini mancanti, tutti nuovi di zecca, per un lieve difetto di funzionamento della sabbiera stava per essere sostituita all’ultimo momento dalla arancione 1736. Ma la nostra insistente richiesta di non cambiare vettura ha messo in moto un’azione combinata che ha fatto sì che la 711, nonostante il suo piccolo acciacco, potesse uscire tranquillamente con gli Amici del Tram a bordo e fare il suo giro per la città in tutta sicurezza.

Sistemata la piccola defezione, eccoci, prima di uscire anche se un po’ in ritardo, a fare la foto di gruppo internamente al deposito nonostante la sorveglianza ci avesse negato di farlo, abbiamo disubbidito lo so, ma fuori pioveva dai, speriamo che ci perdonino anche questa volta.

Fatta a gran fatica la foto di gruppo perché stranamente questa volta nessuno se ne stava fermo, ma pensavano a cosa i Soci?

Ve beh, non stiamo ad indagare!

Alla buon’ora siamo partiti sotto una pioggia comunque poco insistente ed abbiamo potuto tranquillamente anche fare numerose foto lungo il tragitto che da prima ci ha portato a Cordusio dove è salito un Ispettore d’esercizio che ci ha accompagnato qualora fosse successo qualcosa alla veterana 711, ma nulla è accaduto e lo stesso ispettore è rimasto entusiasta di aver fatto il viaggio con noi.

Lungo il tragitto siamo stati raggiunti da Ambrogio il quale ci ha prestato delle preziose velette per fare foto indimenticabili, anche perché si fotografava un tram sotto la pioggia, quando tutti hanno foto di tram con il sole od al massimo con la neve, vuoi mettere?

L’unica sosta prolungata in piazzale Lagosta l’abbiamo fatta in compagnia del Tram City Tour 2, lasciando passare il 33 di linea e quindi facendo l’anello intorno al mercato rionale che sta in mezzo alla piazza.
Degustazione di “chiacchiere”, brindisi e naturalmente il panettone di San Biagio rigorosamente avanzato dal Tram di Natale come nostra tradizione, che poi è una tradizione milanese che si rimanda ai tempi remoti della città comunale.

Visto il ritardo alla partenza, il rientro è stato più spedito del solito, ovvero senza fermate, ad andatura lenta ma costante, tutto ciò per poi potersi fermare nei pressi di Santa Maria delle Grazie per fare l’ultima foto degna di questa uscita particolare sotto la pioggia.

Internamente alla vettura abbiamo avuto anche due ospiti: madre e figlio grande che si è interessato molto all’ACT, speriamo di iscriverlo presto.

I lampioncini creavano all’interno della vettura un’atmosfera da primi Novecento, anche se la vettura è una ricostruzione post bellica del 1948.

È stato un pomeriggio magico diverso dagli altri, all’interno della vettura regnava un’atmosfera di amicizia, mentre il gruppetto sempre compatto di fotografi, saliva e scendeva tranquillamente nonostante la leggera pioggia, mai forte da dare fastidio più di tanto, forse ha reso qualche foto un po’ più scura delle altre, ma è andata bene così, perché al rientro erano tutti soddisfatti.

Al prossimo giro in tram dunque!

Paolo Pagnoni

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

San Biagio 2016 si avvicina!

Share Button

Quest’anno l’ACT vi propone qualcosa di diverso per festeggiare insieme il Natale.

Share Button

 

La reginetta di San Biagio 2016
sarà la 2 assi 711

 

 

ultimo aggiornamento dell’articolo: 25 gennaio 2016

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail