Tram di San Biagio 2014

Share Button

9 febbraio 2014
arriva la K35 biverde 1723

 volantino-tram-di-san-biagi

 

Per info e conferme: act@amicitram.eu

ultimo aggiornamento della pagina: 5 febbraio 2014

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

22 dicembre: il Tram di Natale 2013

Share Button

Una calda atmosfera delle Feste per gli ACT!

È andato alla grande il tram di Natale del 22 dicembre anche grazie alla poltrona di Babbo Natale in fondo al tram e, per la prima volta, per la presenza a bordo di un bellissimo e decoratissimo albero di Natale. E che dire poi delle maestose foglie di pungitopo che arredavano la vettura? Infine i tre angioletti che spuntavano sul frontale erano una chicca unica nel suo genere.

Su 43 prenotati si sono presentate 36 persone, non possiamo tacere che alcune di queste defezioni provengono da chi non è nuovo a questi comportamenti. Passando alle note positive, nel corso del viaggio abbiamo rinnovato alcune tessere e ne abbiamo staccato una nuova per un socio Junior.


L’immancabile foto di gruppo prima della partenza dal Deposito Messina.

 

Nell'immagine di Carlo Ferrone i particolari dell'accurata decorazione dell'interno
Nell’immagine di Carlo Ferrone i particolari dell’accurata decorazione dell’interno

 

Babbo Natale troneggia in fondo alla vettura, sia per la gioia dei partecipanti, ma soprattutto per i più piccini.

 

La 1719 fresca di revisione generale tirata a lucido “STAR” della giornata e sapientemente decorata dal nostro Designer.

 

Momento topic del nostro Tram di Natale 2013, ritratto da Carlo Ferrone
Momento topic del nostro Tram di Natale 2013, ritratto da Carlo Ferrone

 

Babbo Natale alle prese con il panettone «Le Tre Marie» da 10 kg divoratoooooooooooooooooooooooo!!!

Abbiamo registrato una lieve perdita, anche se si deve tenere presente che una parte dell’enorme panettone da 10 kg e 100 € con qualche bottiglia di spumante e di bibite ritorneranno utili per il tram di San Biagio. Se si fossero presentati tutti i prenotati avremmo quasi completamente ripianato le spese.

Dopo l’invito per Email e il tram di Natale manca all’appello per il rinnovo ancora qualche socio. Collaboriamo tutti in modo che il nostro gruppo possa affrontare in tutta tranquillità la nuova, ricca annata 2014 che ci aspetta.

Paolo Pagnoni

 

 

ultimo aggiornamento dell’articolo: 29 dicembre 2013

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Il Novello festeggiato
per la 5ª volta in tram

Share Button

10 novembre 2013

Una bellissima, calda giornata di sole da vera estate di San Martino ha coronato di successo la quinta edizione di questo tram tematico.

Come da tradizione in questi giorni novembrini si aprono le botti per assaggiare per la prima volta il vino nuovo, il Novello.

E cosa potevano fare quindi gli Amici del Tram proprio domenica 10 novembre, se non organizzare il famoso “Tram del Vino Novello”, quest’anno per la cronaca giunto alla sua quinta edizione?

Come da programma, si è partiti dal deposito ATM di Baggio con l’arancione 1980, dotata di veletta “SERVIZIO PRIVATO” anziché la classica “SERVIZIO SPECIALE”.

Numerose come sempre le foto alt, tra queste una in particolare ha accontentato i palati più fini della fotografia quando ci si è fermati all’Arco della Pace dove il sole, basso in questa stagione, faceva capolino attraverso i palazzi della Milano del Novecento, illuminando a giorno il frontale del nostro tram e naturalmente sullo sfondo l’arco. Sono seguite numerose altre foto a ricordo dell’evento.

foto di gruppo 10 novembre 2013

Il classico giro in città ha portato l’allegra comitiva ad attraversare per ben tre volte le vie del centro, mentre fuori vi era lo stupore della gente, a bordo il nettare di bacco scorreva dalle bottiglie nei generosi bicchieri che a loro volta riempivano le ugole degli assetati avventori che si sono tolti ogni voglia. Al termine del viaggio non ne è avanzata una bottiglia.

Speciale l’assaggio di vino con cioccolato autentico svizzero importato “clandestinamente” dal nostro organizzatore.

Un ricco e vario buffet è stato letteralmente spazzolato via dai 26 partecipanti, tra questi numerosi giovani, terminato con la degustazione di una grande torta chantilly.

A distanza di un mese dal “tram a tutta birra”, quindi nonostante la vicinanza dell’evento, i Soci hanno risposto positivamente alla chiamata, tenendo inoltre presente che altri hanno nello stesso giorno organizzato una manifestazione concomitante con la nostra, costringendo molte persone a scegliere. La nostra comunque per noi è risultata vincente.

Paolo Pagnoni

ultimo aggiornamento dell’articolo: 11 novembre 2013

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Limbiate è salvo!

Share Button

Dove si interverrà
per assicurare la continuità dell’esercizio

Lunedì 20 febbraio 2012 una commissione composta di tecnici ATM compreso l’USTIF e politici di Comuni Province e Regione, si è recata sulla linea di Limbiate per un sopralluogo tecnico al fine di valutare la possibilità di continuare l’esercizio a seguito della comunicata chiusura della linea per sabato 25 febbraio.

Il sopralluogo è stato fatto ad arte, viaggiando la mattina su di un convoglio di linea in partenza da Comasina e percorrendo a bordo l’intera tratta, poi, arrivata al capolinea terminale di Limbiate Ospedale, la commissione ha fatto il viaggio a ritroso a bordo di pullmini per constatare di persona le problematiche dovute all’armamento ormai usurato dal tempo e che necessita di una radicale sostituzione in quanto non è purtroppo applicabile una semplice, anche se straordinaria, manutenzione.

Nonostante la disastrata situazione dell’armamento di alcune tratte, l’ingegnere dell’USTIF si è comunque complimentato con le maestranze ATM per come gestiscono regolarmente il servizio. Queste tratte infatti obbligano i convogli a viaggiare sotto i 40 km/h a discapito del regolare servizio.

ATM in accordo con la Commissione ha convenuto di eseguire con priorità assoluta i seguenti interventi:

  1. Risanamento di circa 2 km di binari a sud della linea sulla tratta da Comasina al deposito di Varedo e sostituzione dell’armamento completo della curva appena dopo il deposito in direzione di Limbiate.
    Questi interventi ATM indica che potranno già essere fatti nei fine settimana a partire dal mese di aprile e concludersi nel mese di giugno, chiudendo la linea all’esercizio dalle ore 20.00 del venerdì alle ore 5.00 del lunedì mattina, mantenendo così l’esercizio tranviario durante i giorni feriali che vedono la maggiore affluenza di viaggiatori, soprattutto studenti e lavoratori.
  2. Risanamento delle tratte rimanenti, per un totale di circa 5 km, questi lavori dovranno essere fatti nei mesi estivi perché sono talmente impegnativi che si dovrà giocoforza interrompere l’esercizio tranviario.
    Il primo intervento riguarda i 2,5 km a monte del capolinea di Comasina fino al Comune di Paderno Dugnano in località Cascina Amata.
    Il secondo intervento riguarda i rimanenti 2,5 km della tratta dopo la curva di Varedo fino al capolinea di Limbiate Ospedale.
    Nello stesso giorno la Commissione ha evidenziato due ulteriori situazioni che preoccupano la circolazione dei veicoli stradali, che potrebbero venire a contatto con la tranvia.
  3. Ripristino dell’impianto semaforico appena dopo il deposito di Varedo eliminato a seguito della costruzione di una rotonda.
  4. Regolazione del traffico stradale nel restringimento di carreggiata nei pressi di casina Amata, dove il tram in direzione Limbiate risulta viaggiare in contromano rispetto la viabilità ordinaria.

Per tali lavori necessita uno stanziamento straordinario pari a circa 3,5 ML di Euro.

Nel frattempo alcuni interventi immediati come la manutenzione straordinaria della curva in entrata al deposito di Varedo hanno tolto l’unica limitazione a 5 km/h della linea.
Le limitazioni attuali sono:

  • Cormano/Paderno Dugnano (25 km/h): dalla fermata di Molinazzo alla fermata di Battiloca per una tratta di 2.600 m
  • Paderno Dugnano (25 km/h): dal centro di Cascina Amata Paese alla fermata di Molino per 2.200 m
  • Varedo (25 km/h): dalla fermata di Varedo deposito alla fermata Varedo scambio (curva dopo deposito) per una tratta di 200 m
  • Limbiate (20 km/h): dalla fermata di 5 Giornate alla fermata Limbiate Ospedale per una tratta di 2.000 m.

A causa di queste limitazioni di velocità il materiale storico della linea non può circolare – salvo deroga USTIF – per la mancanza del tachigrafo a bordo.

A parte queste limitazioni sul resto della linea è ammessa una velocità massima di 40 km/h.

 

Breve sintesi attuale della linea di Limbiate

 

La linea tranviaria interurbana Milano – Limbiate collega la M3 gialla a Comasina, con il Comune di Limbiate, terminando in località Ospedale, all’estremo nord del territorio comunale.

La linea è lunga 11,6 km e nel Comune di Varedo è situato il deposito del materiale rotabile con annessa sottostazione di tipo ambulante n° 3 di ATM.

Tutta la linea è a binario unico con raddoppi ed aste di manovra ai due capolinea per l’incrocio dei treni.

Il tracciato della linea con indicate le fermate ed i relativi tratti dove si deve intervenire è rappresentato nello schema a corredo dell’articolo.

Lo scartamento è quello tranviario di 1.445 mm e la tensione al filo di contatto aereo è di 600 V in corrente continua.

L’armamento è su traverse di legno ed impiega per la maggior parte del tracciato rotaie leggere di tipo “vignole” 36 UNI, unite tra loro meccanicamente.

Gli scambi sono tutti manuali, e lungo la linea in prossimità dei raddoppi sono tallonabili, perché grazie a delle molle ritornano sempre in posizione di corretto tracciato (esclusi i due nuovi scambi posati al capolinea di Comasina).

Nel 2014 scade la concessione governativa dell’utilizzo del sedime a fianco della strada, nel nostro caso la SS dei Giovi, per cui in attesa di un eventuale progetto di riqualificazione totale della linea, per poter proseguire l’esercizio dei prossimi due o tre anni si deve intervenire per la sistemazione anche se minimale degli impianti di armamento.

Ma cosa si intende per interventi minimali?

In pratica per non dover rifare l’armamento ex novo con un costo elevato e per pochi anni si prevede:

  • Taglio delle rotaie e rimozione delle campate e sistemazione del pietrisco ancora esistente.
  • Pulizia della sede tranviaria.
  • Posa di nuove campate complete di binari e traversine.
  • Posa di nuovo pietrisco.
  • Rincalzatura pietrisco, allineamento e livellamento binari, da rifarsi comunque anche dopo un primo periodo di esercizio.

In attesa di trovare questi finanziamenti per le opere necessari affinché la linea non venga chiusa, l’esercizio continua in deroga USTIF grazie alla responsabilità assunta direttamente da ATM.

Paolo Pagnoni – CRCU Regione Lombardia

(Consiglio Regionale Consumatori Utenti
Commissione Trasporti Regione Lombardia)

 

Un bloccato al nuovo capolinea di Comasina, il 6 aprile 2011. Foto Pagnoni
Un bloccato al nuovo capolinea di Comasina, il 6 aprile 2011. Foto Pagnoni
Un'interessante doppia a Cascina Amata il 25 marzo 2011. Foto Pagnoni
Un’interessante doppia a Cascina Amata il 25 marzo 2011. Foto Pagnoni
Un bloccato al capolinea di Limbiate il 9 aprile 2011. Foto Pagnoni
Un bloccato al capolinea di Limbiate il 9 aprile 2011. Foto Pagnoni

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I tratti che richiedono gli interventi più urgenti

 

ultimo aggiornamento dell’articolo: 25 ottobre 2013

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

3721 di MOVIBUS
Sulle orme del «Gambadelegn»

Share Button

19 ottobre 2013

La mattina, in attesa del ritorno serale di un Tram tematico, gli Amici del Tram e dei Bus si sono recati a Magenta per gustarsi un viaggio speciale su un datato bus n° 3721 ex ATM 1688.

Scaldato per bene il motore in deposito, si fa per dire, siamo partiti alla volta della stazione RFI di Magenta dove si trovavano in attesa i partecipanti.

Il viaggio si è svolto lungo i paesi del Parco del Ticino verso Cuggiono, Turbigo e Castano, fino al più piccolo Comune lombardo di Nosate.

L’occasione è stata ghiotta perché abbiamo potuto vistare anche ben due depositi autombilistici, quello di Magenta ex ATINOM e quello di Cuggiono ex ATM; oggi gestiti dalla MOVIBUS.


Il nostro bus in deposito prima di uscire, con veletta ACT sulla destra
Il nostro bus in deposito prima di uscire, con veletta ACT sulla destra

Il 3721 supera il Naviglio nei pressi di Turbigo
Il 3721 supera il Naviglio nei pressi di Turbigo

Al deposito Magenta il signor Taormina, Direttore dell'Esercizio, mostra agli ACT la turnazione degli autobus durante la giornata
Al deposito Magenta il signor Taormina, Direttore dell’Esercizio, mostra agli ACT la turnazione degli autobus durante la giornata

Naturalmente, come promesso, per i Soci ACT il viaggio è stato completamente gratuito.

Un cordiale ringraziamento alla Direzione di MOVIBUS che ci ha concesso la vettura proponendoci anche l’interessante tragitto e nello stesso tempo ci ha dato l’arrivederci per un altro bus speciale alla fine di giugno in modo di poter accontentare anche i giovani Soci studenti che questo sabato non sono potuti intervenire.

Paolo Pagnoni

ultimo aggiornamento dell’articolo: 24 ottobre 2013

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

5° Tram del Vino Novello

Share Button

volantino-tram-vino-novello

ACT

ultimo aggiornamento: 23 ottobre 2013

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Un tram a tutta birra

Share Button

19 ottobre 2013

Con la scusa del motto «a tutta birra», abbiamo rievocato il famoso tram della birra che si svolgeva fino a quattro anni addietro: è noto che per gli ACT tutte le occasioni sono buone, pur di organizzare un tram!

Il classico giro per le vie del centro di Milano ha portato i partecipanti in allegra compagnia sulla bianco-gialla vettura 1822 del deposito Baggio, decorata internamente a tema per l’occasione e grazie alla presenza di un impianto stereo che allietava con buona musica, pensate c’era pure un raggio laser, tutti i partecipanti alla fine possono ben dire di essere rimasti soddisfatti.

Divorate le cibarie a bordo, tra salatini, focacce con olive e pizze, i famelici protagonisti del viaggio hanno dato fondo anche ad una bella scorta di lattine del biondo nettare.

Le foto alt nei punti principali e caratteristici della città hanno ancora una volta accontentato gli appassionati della fotografia, soprattutto del nostro fedele Socio romano Carlo, sempre pronto a timbrare il biglietto di simili iniziative.

19_10_2013 interno

19_10_2013_scala19_10_2013-foto_di_gruppo

23 i partecipanti, mentre le defezioni dell’ultimo minuto non hanno comunque sminuito questa riedizione del tram della birra, completamente diverso dai precedenti, dove si distribuiva birra a go go ai passanti, anzi, il ritorno si è confermato come uno spensierato ritrovo in allegria degli ACT.

Paolo Pagnoni

ultimo aggiornamento dell’articolo: 22 ottobre 2013

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Il 19 ottobre torna un Tram serale ACT

Share Button

act

Sabato 19 ottobre 2013

la sera dalle ore 20.30 a mezzanotte
Partenza dal Deposito Baggio sito in piazzale Perrucchetti

UN TRAM A TUTTA BIRRA

Giro con tram speciale riservato per la città di Milano
soste con foto ricordo
degustazione di birre
mini buffet a bordo
Costo a partecipante 30 € – Soci ACT 20€

Info e prenotazioni alla Email act@amicitram.eu

 

Il volantino

 

ultimo aggiornamento dell’articolo: 7 ottobre 2013

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

A settembre
l’ACT ancora a Novegro

Share Button

27, 28 e 29 settembre 2013

La tre giorni di Novegro Model Expo si è conclusa con un rinnovato successo di ACT.

Oltre al record di persone, durante la fiera del modellismo per antonomasia, c’è stata soprattutto una grande ammirazione da parte dei visitatori nei confronti del plastico tranviario in scala “G” con il tram di Parigi d’origine, del nostro Socio Christian Barenghi,

Il plastico in scala "G" del Socio Christian Barenghi dove girava il tram di Parigi e fa capolino il viso distrutto del nostro Presidente in un rarissimo momento di pausa. Foto Davide Squarise
Il plastico in scala “G” del Socio Christian Barenghi dove girava il tram di Parigi e fa capolino il viso distrutto del nostro Presidente in un rarissimo momento di pausa.
Foto Davide Squarise

mentre i modellisti si sono leccati i baffi nell’ammirare il primo modulo finito del plastico tranviario in costruzione da parte del Socio Luca Zambianchi.

Il plastico tranviario in scala H0 del Socio Luca Zambianchi con una parata di “carrello” milanesi le famose «MI 28» portate per l’occasione dal Socio Gianluigi Ferrari.
Foto Davide Squarise

Quest’anno poi c’era anche la vetrina delle occasioni, dove erano presenti modellini di tram oramai introvabili, cimeli tranviari e rarità librarie.

Un’autentica campana di una vettura tranviaria «MI 28» scandiva rintocchi a profusione destando ammirazione e talvolta stupore tra i presenti.

Soddisfatti i Soci che hanno già rinnovato la quota 2014 perché hanno avuto in omaggio a scelta una targhetta interna sempre delle «MI 28», mentre ai nuovi associati è stato donato addirittura un autentico fanalino tranviario.

Paolo Pagnoni

 

ultimo aggiornamento dell’articolo: 5 ottobre 2013

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tram – foto storiche

Share Button

Rassegna fotografica, con esemplari di tram e di linee ormai appartenenti alla storia

Share Button

 

ultimo aggiornamento della pagina: 3 agosto 2014

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail