L’ACT a Torino

Share Button

6 maggio 2012
all’insegna dei tram storici

Per la terza volta nella sua storia l’ACT è tornata a Torino e lo ha fatto alla grande, noleggiando ben due vetture storiche dell’ATTS.

Nonostante il maltempo ed altre coincidenti manifestazioni, a Torino si sono presentate 31 persone con una berlla dotazione di macchine fotografiche, potremmo dire agguerrite qualunque cosa fosse capitata.

Ed il successo è stato grande, ma veniamo a noi perché la mattina presto già un bel gruppetto di partecipanti si è radunato alla stazione Centrale di Milano in testa ai binari 6 e 7 per prendere il Regionale Veloce con destinazione Torino e che ci ha condotti in perfetto orario nella città della Mole.

All’arrivo a Torino Porta Susa ci si ritrova tutti quanti in piazza Statuto dove la prima vettura noleggiata, la “romana” 312 ex Stefer, linea di Cinecittà, parte per il giro organizzato sapientemente dagli amici di ATTS, ma già si deve fermare per la prima di una serie di numerosissime “foto-halt”.

Nel giro della mattina se ne conteranno ben dieci senza accorgersi del tempo che passa, così si arriva verso le 13.00 direttamente in vettura dentro il Deposito di Sassi. Qui riprendiamo il gruppo in un bel quadretto e possiamo visitare il deposto stesso che ospita alcuni dei mezzi storici di ATTS e GTT.

La pausa pranzo è conviviale e si parla soprattutto di tram; le pietanze si guadagnano un’ottima presa ed un buon vino le accompagna, ma il tempo è tiranno: c’è il giro del pomeriggio che ci aspetta.

Usciti appena in tempo dal ristorante, assistiamo alla manovra in retromarcia della 201 ex ATM Bologna -acquistata a suo tempo dalla Stefer- mentre esce dal deposito per immettersi in linea, coadiuvata da un paio di agenti GTT dotati di enormi palette verde/rosso per regolare il traffico.

Si riparte per il secondo viaggio ed è già tempo di una sosta fotografica, in questo tour ne faremo ben undici.

Gira e rigira per Torino, non ci si può non fermare in piazza Castello, dopo averla attraversata più volte, ed eseguite le foto di rito ci si è poi diretti verso la stazione di Porta Nuova, dove è scesa la maggior parte dei partecipanti che dovevano prendere il treno per tornare a Milano, mentre gli altri venuti da diverse destinazioni come Savona, Bologna e addirittura da Roma, sono proseguiti in tram per concludere al meglio al loro giornata, così come l’avevano iniziata… appunto in tram.

Un altro grande successo inanellato dall’ACT.

Paolo Pagnoni

 

 

ultimo aggiornamento dell’articolo: 10 maggio 2012

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Novegro Spring Edition 2012

Share Button

L’ACT presente
anche al «Novegro» di primavera

Partecipare ad una fiera specializzata per noi che siamo una semplice associazione amatoriale non è facile, ma grazie alla competenza dei nostri Soci Christian Barenghi e Gianluigi Ferrari, il risultato è stato dei migliori.

Grande apprezzamento, infatti, lo abbiamo avuto dalla stessa Direzione del Parco Esposizioni di Novegro, soprattutto perché siamo stati un po’ gli unici ad intrattenere, grazie ai nostri impianti funzionanti, i numerosi bambini accompagnati dai genitori, forse più interessati a veder circolare i nostri tram sul sistema “tramway” Rivarossi. Ma anche l’impianto del “cartonbus” attirava l’attenzione di grandi e piccini, soprattutto per la sua semplicità di funzionamento.

Per la prima volta inoltre è stato presentato da Christian un bel filobus Socimi da 12 metri radiocomandato e che ha suscitato l’interesse di molti avventori soprattutto presenti all’esposizione dove i giocattoli radiocomandati la facevano da padrone.

La vetrina invece era il “top” del modellismo perché presentava una novità in prima assoluta: il modellino di N3C Modelli Milano della vettura 5215 di ATM Milano, l’unica ricolorata in arancione e che ha funzionato con entrambi i sistemi di presa di corrente aerea a trolley a rotella e pantografo asimmetrico.

Unitamente e finalmente è stata data la notizia della costruzione di una piccola serie di un modellino di prestigio in ottone fotoinciso della vettura n° 1970 “ATMosfera” 1, sempre di ATM Milano. In vetrina gli appassionati potevano ammirare il modello con a fianco la ex targhetta originale interna riportante il numero di matricola, facente parte della raccolta di cimeli dell’ACT.

Per la prima volta poi è stata presentata una monografia bilingue, italiano-francese, sulla storia della posa dei primi binari a Milano col ritorno agli albori del trasporto pubblico a Milano dal 1874 al 1926, quando si è conclusa la fase storica delle tranvie milanesi.

Questo fascicoletto -incredibile 27 copie vendute- è piaciuto al pubblico neofita, ma soprattutto ha fatto felici i Soci ACT in visita allo stand perché lo hanno avuto in regalo.

 

Gli impianti esposti

 

Un grande plastico tranviario ad “L” di Gianluigi Ferrari lungo due metri nel lato più lungo ed un metro in quello più corto, e completamente realizzato con i pezzi originali del sistema “tramway” Rivarossi, con scambi ed incroci ad angolo retto, dove vi circolavano vari tipi di tram, adattati al sistema, e le classiche Edison della Rivarossi stessa.

Le vetturette Edison: oltre a quelle gialle originali espletavano il loro servizio anche quelle modificate come al vero negli anni, con frontali chiusi e porte pneumatiche, ridipinte in biverde e grigie di servizio.
Attiravano l’attenzione inoltre le “carrello” di costruzione Del Prado, sia in colore biverde che nella nuova ricolorazione giallo Milano ed avorio.

Grazie al modellismo le licenze poetiche del caso permettevano la circolazione anche di alcune vetture PCC americane ricolorate in biverde e vecchie vetture a carrelli sempre americane e di diversa foggia e colorazione.

L’impianto di “cartonbus”, comprato alla UPIM ben 10 anni fa da Christian Barenghi, e successivamente ampliato ricercando pezzi nei mercatini e su internet, era distribuito su di una lunghezza di ben quattro metri dove circolavano in continuazione ben due bus contemporaneamente. È incredibile vedere come un sistema così semplice di strada con scanalatura centrale che fa da guida ai bus funzionati grazie ad una semplice batteria a bordo, attirava non solo i piccoli ma anche il pubblico adulto: a parte il solito “appassionato” di turno che non era convinto della “scala” (rapporto di riduzione in miniatura) dei bus.

Ma per l’ACT questa edizione di Novegro svoltasi con un clima primaverile non è stata solo un gioco, a parte il faticoso lavoro svolto sia nella preparazione sia nel presenziare, dal momento che è stata portata avanti con successo anche la raccolta di firme per il salvataggio della linea interurbana di Limbiate. Presso lo stand ACT sono state infatti raccolte numerose firme di persone comuni grazie all’impegno del Socio Mauro Anzani.

Paolo Pagnoni

 

 

ultimo aggiornamento dell’articolo: 28 febbraio 2012

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Assemblea 2012 e Tram di San Biagio

Share Button

5 febbraio 2012
un doppio appuntamento per l’ACT

 

si rievoca la linea 10 a Villapizzone
vettura completa stile anni Cinquanta in viale Espinasse
foto di gruppo in piazzale Cacciatori delle Alpi

La domenica 5 febbraio è stata una giornata intensa per i Soci ACT, iniziata la mattina con l’Assemblea Generale.

I lavori sono puntualmente aperti alle ore 11.00 con l’appello ed i discorsi di rito. Le relazioni del Presidente sia su cosa fa l’ACT e cosa ha fatto l’ACT nell’anno precedente sono state accompagnate, novità assoluta, da opportuni proiezioni che hanno catturato l’attenzione dei presenti.

Terminata la performance video, si è passati a discutere di cose più piacevoli come i viaggi, per i quali è stato stilato un ricco calendario per tutti i gusti.

È seguito un sontuoso buffet.

Il pomeriggio con la 711, siamo riusciti in parte a transitare su un tratto della ex linea 10 Duomo-Villapizzone, – prevista tutta in tabella, ma parzialmente percorsa causa cantiere in via Messina, – con tanto di numeri e velette realizzate all’uopo soprattutto per accontentare i palati più fini delle immagini di questo genere. In piazzale Cacciatori delle Alpi, non essendo presenti di questi tempi tram di linea, ce la siamo presa comoda per degustare il panettone di San Biagio, proprio quello avanzato dal Tram di Natale. Ma soprattutto per fotografare per bene la 711, con la neve, illuminata da uno splendido sole: ci scappa anche la foto di gruppo a ricordo dell’evento.

Panettone, chiacchiere e spumante e poi via verso il centro dove in viale Espinasse, anche in questa tratta niente tram di linea, ci è scappata una foto fuori dal comune, il tram che viaggia strapieno con le persone sui predellini attaccati a grappolo ai mancorrenti come una volta, veramente una foto unica nel suo genere che solo il nostro organizzatore poteva pensare.

Tornando in centro città, vista la lenta andatura, siamo incalzati dai tram di linea, dai quali non riusciamo a liberarci nemmeno facendo il giro in via Cantù, quindi dopo una veloce foto, via verso il deposito Baggio. In corso Magenta ci scappa l’ormai immancabile foto alt davanti la basilica di Santa Maria delle Grazie.
Di solito i tram speciali, prima di rientrare in deposito percorrendo la nuova tratta dopo l’inversione dello stesso, fanno scendere gli avventori in piazzale Perrucchetti, ma noi abbiamo la visita al deposito e quindi siamo stati autorizzati ad arrivare fino al portone di ingresso. Discesi e consegnati i documenti per i controlli di rito, siamo accolti dal Funzionario ATM di turno che ci porta in visita all’impianto. Purtroppo essendo pomeriggio tardi la luce non è delle migliori, ma gli Amici del Tram sono contenti lo stesso, soprattutto perché possono fotografare i due tram ATMosfera pronti per l’uscita serale e perché, sorpresa della giornata, risplende internamente di luci colorate la 1702 “tram bianco” trasformata in discoteca viaggiante.

Si è conclusa così un’intensa giornata tranviaria accompagnata dalle solite sorprese che ormai sembrano essere di rito nelle manifestazioni organizzate dall’ACT.

Paolo Pagnoni

ultimo aggiornamento dell’articolo: 10 febbraio 2012

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tram di Natale 2011

Share Button

18 dicembre 2011
nell’atmosfera delle Feste

 

Gruppo ACT Tram di Natale

 

Tram di Natale act

Domenica 18 dicembre si è tenuto il Tram di Natale, un appuntamento ACT che si rinnova ogni anno fin dal lontano 1985.

Il tram, addobbato internamente di decorazioni natalizie, presentava dei cuscinetti rossi sulle panche di legno, che gli davano in tal modo il tocco di una vettura di prima classe. Sul tavolo rosso faceva inoltre la sua bella figura il panettone di pasticceria di ben 10 kg, ben presto divorato dai presenti: ne è avanzato pochissimo!

Tram di Natale act ad una foto in linea

Esternamente sul frontale un sacco natalizio a forma di Babbo Natale arricchiva le decorazioni con tanto di scritta «Tram di Natale» e lucine poste dietro i vetri della cabina di guida.

In centro città il tram è stato più volte fotografato dagli avventori in giro per lo shopping natalizio, anche grazie alle numerose foto alt pensate per immortalare la vettura speciale a ricordo dell’evento, che ogni anno vanta l’unicità nel suo genere.

Colorato interno del Tram di Natale act

Numerosi quest’anno i bambini a bordo, che si sono divertiti soprattutto ad ammirare il conducente ed a suonare più volte la campana del tram, scampanellio che attirava la curiosità dei passanti, più impegnati a guardare le colorate ed illuminate vetrine che il resto.

In totale sul tram eravamo in 43, molti i Soci presenti che hanno approfittato dello sconto sul costo programmato: Socio tesserato = Socio premiato.

ACT

ultimo aggiornamento dell’articolo: 28 dicembre 2011

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

3° Tram del Vino Novello

Share Button

13 novembre 2011
all’insegna del buon vino

Un splendida domenica di sole ha accolto i trenta partecipanti al terzo “Tram del Vino Novello” organizzato dall’ACT.

Star della giornata è stata la “ventotto” 1980 ancora di colore arancione e che ha rievocando ben due linee storiche di ATM, 16 e 30, la prima già dall’uscita dal deposito Baggio si è fatta ritrarre per bene in via Millelire, facendoci tornare indietro di colpo ai primi anni Settanta, mentre all’Arco della Pace, abbiamo riprodotto un classico: il 30 sulla ex linea di circonvallazione a fianco dell’1.

Collage del 3° Tram del Vino Novello

Alle foto hanno contribuito le velette originali provenienti dall’archivio storico dell’ACT, compresa un’insolita tabella gialla che indicava il transito della linea 30 da Garibaldi e dalla Stazione Centrale.

Poi in vettura si sono tenute le libagioni con la degustazione del vino novello accompagnato dai panini con salame di ben tre gusti diversi, per concludere il tutto con focaccine e pizzette; non mancavano acqua e coca cola per gli astemi “curiosamente” presenti a bordo.

Il nostro tram anche se di colore arancione, quindi non ancora dimenticato dai Milanesi, catturava comunque l’attenzione dei passanti per l’originale sagoma posta sul frontale raffigurante una bottiglia di vino con alla base dei grappoli d’uva.

La 180 in pieno centro a Milano

Il nostro Designer quest’anno anziché produrre il solito cartello quadrato, si è sbizzarrito in questa soluzione plasmata con cura e molto apprezzata anche dai presenti; naturalmente la sagoma era calamitata per poterla togliere in alcune foto alt delle linee rievocative sopra menzionate.

L’allegria a bordo è stata veramente tanta, non solo per il continuo mescere del vino da parte dei nostri due sommelier Ernesto e Luciano dotati di apposito grembiule da vignaioli, ma anche per la convivialità che si è subito creata in vettura tra gli stessi partecipanti, appassionati e non.

La foto di gruppo del 13 novembre 2011

Il nostro conducente ci ha portato in giro per Milano coadiuvato dall’Alberto, nominato sul campo, “scambista” simpaticamente inteso come “quel de la gugia”, ovvero con tanto di leva per azionare gli scambi, in quanto la 1980 non è ancora dotata di apparato RCS, per gli scambi che sono in città ormai tutti funzionanti a radiofrequenza.

Questo è stato anche il primo speciale ACT con partenza e rientro da piazzale Perrucchetti, dopo la giratura del Deposito Baggio avvenuta il 10 maggio 2011.

ACT

ultimo aggiornamento dell’articolo: 16 novembre 2011

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Porte aperte ATM 2011

Share Button

Festeggiati gli 80 anni dell’ATM

Il grande abbraccio di oltre 25mila persone per un compleanno da record. Nei tre depositi aperti il 1° e 2 ottobre scorso il fiume dei visitatori è stato continuo

Si aprono le porte al deposito Ticinese: i primi arrivi
Si aprono le porte al deposito Ticinese: i primi arrivi
fino a battere il record dell’edizione 2010 con un 25% di presenze in più rispetto alle 20mila dello scorso anno quando i depositi aperti erano 4.

Le Officine di Teodosio hanno fatto il loro primato di presenze e non da meno lo è stato il deposito Molise, ma si è difeso bene anche il deposito tranviario Ticinese che ha aperto le sue porte per la prima volta a questo tipo di iniziativa: a dar man forte ad ATM c’erano presso l’impianto di Ticinese i nostri Paolo, che raccontava la storia del tram ai bambini sul rosso “Tramito” e Pietro, in autentica divisa da tranviere, che si spostava in continuazione da un tram all’altro per sistemare tutto ciò che veniva manomesso dai visitatori.

Pietro, le hostess e Paolo al Ticinese
Pietro, le belle hostess e Paolo al deposito Ticinese

A “spegnere le candeline” degli 80 anni di ATM sono arrivati in tanti e sono stati accolti con giochi, sorprese e con il fascino di un mondo che conquista da sempre la città di Milano. Ospiti di eccezione, Carla Fracci, la madrina della manifestazione che ha ricordato il papà tranviere ed i comici di Zelig. Ma i veri protagonisti sono stati i bambini che, numerosissimi, hanno potuto salire alla guida dei tram, simulare la guida di un treno della metro e divertirsi per due giorni a scoprire il mondo ATM, insieme ai loro genitori attraverso un vero e proprio viaggio nel tempo con “isole temporali” che hanno raccontato la storia dal 1931 ad oggi, senza dimenticare uno sguardo al futuro con le nuove applicazioni tecnologiche.

Tutti hanno portato a casa un ricordo di questa festa – una cartolina, un puzzle per i più piccoli, un magnete, un mouse pad e tantissime foto scattate tra i segreti dei tram – lasciando una testimonianza della loro visita sullo speciale tram per le dediche che girerà in città nelle prossime due settimane. La più bella, breve ed entusiasta, è quella di Glauco B.: “Grazie ATM! Da sempre fai grande Milano!”

ACT

ultimo aggiornamento dell’articolo: 8 ottobre 2011

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

L’ACT alla ribalta di Novegro 2011

Share Button

Di nuovo un bel successo per l’ACT

L’Expo Model di Novegro è giunto alla sua 35ª edizione e l’ACT ha degnamente festeggiato questo traguardo portando in esposizione nel proprio stand un plastico metropolitano ad opera del Socio Luca, insieme con un plastico tranviario realizzato dal Socio Gianluigi, entrambi a moduli.

Il plastico metropolitano, molto ammirato per la sua originalità

Il primo, della lunghezza di poco più di tre metri, faceva bella mostra di sé per tutta la lunghezza dello stand ACT ed attirava non solo numerosi bambini, ma anche appassionati di treni: il vedere infatti una metropolitana che andava avanti ed indietro affascinava un po’ tutti.

Il secondo, poco più lungo di due metri, era composto da due moduli con sopra il famoso impianto tranviario Rivarossi arricchito da scambi e incroci completi di linea aerea, il tutto automatizzato, ed un deposito tranviario di ottima fattura, intitolato alla STEL e animato da diverse “old timer” che sfoggiavano accattivanti livree.

Il deposito tranviario

La vetrina delle novità ACT conteneva un modello di latta di un tram cinese, portato in Italia dall’estremo Oriente dal nostro Presidente che lo ha scovato in un mercato di una cittadina del Sud della Cina, una vera e propria attrazione esotica.

Notevole successo come sempre hanno ottenuto le monografie, quest’anno dedicate alle 4800 ed agli autobus Effeuno, entrambi di ATM Milano.

Inoltre, novità dell’anno, il modellino prototipo della vettura serie 5100 di N3C Modelli, per l’ACT: ne sono state raccolte numerose prenotazioni.

Un’altra primizia è consistita nella realizzazione di un originale magnete da frigorifero, oggi molto di moda, con rappresentata una “ventotto”, il quale non ha avuto successo tra gli Appassionati, ma che è andato a ruba tra il pubblico neofita.

L'eccezionale "scrivania" dello stand ACT

Per concludere alla grande, faceva bella mostra di sé la nuova scrivania ACT costruita da Christian a forma di frontale tranviario e dotata di fanale centrale e fanalini di direzione tutti e tre originali, sapientemente restaurati dal costruttore.

Ben il 60% dei Soci ha rinnovato la tessera per il 2012, a questi si sono aggiunti altri nuovi Soci, ai quali diamo il benvenuto dalle pagine di questo sito.

Molto bella e gradita la nuova tessera plasticard di ACT, che ha suscitato sorpresa tra i Soci: la tecnologia ha relegato agli archivi la tessera cartacea dell’anno in corso, ma l’ha anche resa un unicum già diventato pezzo da collezione.

ACT

ultimo aggiornamento dell’articolo: 30 settembre 2011

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

“Speciale” Limbiate del 25 giugno 2011

Share Button

Sabato 25 giugno a Varedo, la storia si ripete

A distanza di ben “ventotto” anni la storia si ripete, sì perché l’ACT il 28 settembre 1983 aveva organizzato proprio il suo primo tram speciale sulla linea interurbana di Varedo con una motrice “Reggio Emilia”, la n° 90 e ben tre rimorchi a porta centrale, ma quest’ultimo che andiamo a raccontare è ad onor del vero unico nel suo genere, visto che di treni tranviari interurbani come questi ormai non se ne fanno più.

La giornata degli amici del tram ha comunque un prologo la mattina, giacché un nutrito gruppetto si ritrova al capolinea di Niguarda Parco Nord per viaggiare sui TB, i famosi Treni Bloccati, di linea fino a Desio dove c’è stata una se pur breve visita al deposito e dove fanno ancora bella mostra di sé alcuni rotabili storici perfettamente funzionanti, ma purtroppo non più adibiti al servizio viaggiatori di linea.

Lo "Speciale" ACT del 25 giugno 2011 con la 92 e rimorchi a Limbiate ospedale
Lo "Speciale" ACT del 25 giugno 2011 con la 92 e rimorchi a Limbiate ospedale - foto di Paolo Pagnoni

Il primo pomeriggio a Varedo invece vede arrivare alla spicciolata i circa quaranta partecipanti, i quali vengono subito a scoprire che il tram speciale non avrebbe avuto uno solo ma ben tre rimorchi, un vero e proprio treno tranviario dei tempi passati, e poi durante la distribuzione della documentazione i partecipanti ricevevano gratuitamente una monografia sulle due linee tranviarie ancora esistenti comprese le note sul materiale rotabile che vi ha fatto e fa tuttora servizio, una cartolina a tiratura limitata raffigurante la “Reggio Emilia” n° 92 ancora in biverde a Varedo nel 1981 ed un foglietto con le istruzioni delle quattro foto alt organizzate lungo la se pur breve linea tra Varedo deposito ed il capolinea terminale di Limbiate Ospedale, dove c’è stato il famoso “salto della motrice”.

La copertina della pubblicazione esclusiva di Mauro Anzani sulle linee di Desio e Limbiate
La copertina della pubblicazione esclusiva di Mauro Anzani sulle linee di Desio e Limbiate

Cartolina ACT a tiratura limitata con la 92 biverde a Varedo
Cartolina ACT a tiratura limitata con la 92 biverde
a Varedo

Durante il viaggio erano molti gli appassionati che ancora non avevano avuto il piacere di vedere il famoso combinatore di marcia a “timone” originale BBC adottato dal TIBB negli anni Venti su numerosi rotabili costruiti all’epoca.

Al ritorno a Varedo poi i partecipanti al viaggio si sono avviati alla visita guidata al deposito, dove in fondo hanno scoperto anche qui la presenza di ben tre vecchie glorie, tra le quali una motrice tipo “Desio” n° 46 in fase di miglioramenti interni ed ancora funzionante, anche se solo per le manovre di deposito.

La giornata tranviaria è volta così al termine, ci si è salutati cordialmente dandoci l’arrivederci al prossimo tram speciale e tutti hanno raggiunto le loro abitazioni: chi con i mezzi propri, che con i treni di Trenord (le ormai vecchie Ferrovie Nord Milano) e chi con il TB di linea con destinazione Comasina.

ACT

ultimo aggiornamento dell’articolo: 7 luglio 2011

httpv://www.youtube.com/watch?v=oR-Upyz5KR8&

httpv://www.youtube.com/watch?v=ryfxZGH-hHA

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tram ACT di primavera

Share Button

Si è svolto domenica 3 aprile di pomeriggio il Tram di Primavera, organizzato dall’ACT noleggiando la prima ed originale “scuolaintram” 1927.

Sul frontale della vettura spiccava una enorme margherita a ricordo dell’evento.

Si è partiti in perfetto orario dal deposito Baggio per percorrer i binari delle vie Forze Armate, Palma ed Antonello da Messina, binari questi che saranno al più presto eliminati.

Raggiunto velocemente il centro città, in piazza Cordusio abbiamo incontrato i due “nobili” tram milanesi: gli ATMosfera uno e due in servizio speciale diurno.

Il tour del nostro tram fotografico ha visto l’attraversamento del centro città per ben quattro volte e numerose sono state quindi le istantanee scattate dai fotografi presenti, nonché dagli avventori soprattutto quelli dotati di telefonino e che si giravano meravigliati a guardarci.

La manifestazione ha contato una partecipazione di 25 persone, forse se ATM non ci avesse cambiato le carte in tavola, anticipando il tram di una settimana, ne avremmo senz’altro avute di più.

A bordo sono state degustate le colombe pasquali, letteralmente divorate dai presenti, con brindisi augurale alle prossime iniziative ACT. Il successo così non è mancato.

Un particolare curioso: la margherita non era fissa sul frontale, ma, grazie ad un trucco, si poteva togliere e rimettere per poter fare le foto anche senza l’addobbo, inutile dire però che nessuno degli Amici del Tram presenti ha preteso l’eliminazione floreale, anzi…

Act

ultimo aggiornamento dell’articolo: 12 aprile 2011

foto di Luigi Salvadori
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Assemblea 2011 e tram di San Biagio

Share Button


ASSEMBLEA GENERALE ACT 2011

VERBALE


Domenica 6 febbraio si è tenuta l’Assemblea Generale ACT per l’anno 2011, sulla quale è venuta a cadere la giornata di blocco del traffico programmata a Milano, che tuttavia non ha in alcun modo impedito agli ACT di partecipare numerosi all’evento.

Prima di dare inizio ai lavori, si è provveduto a nominare un Presidente dell’Assemblea ed un Segretario addetto a redigere il presente verbale.

All’unanimità sono stati indicati, rispettivamente, Presidente dell’Assemblea Alessandro Muratori e Segretario verbalizzante Paolo Pagnoni. Sono stati scelti questi due nominativi perché già avvezzi a simili eventi ed i presenti, molti i neofiti di queste cose, hanno potuto così vedere di persona come funziona un’Assemblea, pronti così a partecipare alla prossima magari mettendo in gioco, perché no, anche se stessi.

Muratori ha aperto i lavori dell’assemblea affrontando subito un tema a noi tanto caro, cosa rappresenta l’ACT oggi nel mondo mediatico che ci può fa stare tranquillamente in casa dietro ad un computer senza affrontare una realtà esterna quale può essere il piacere dello stare insieme ed ha così precisato: «il nostro è un hobby e non deve essere una ossessione che ci martella». Ha inoltre aggiunto: «Tra l’altro abbiamo una rivista ACTUAL che è un fiore all’occhiello del Gruppo e che già molti altri ricercano e ci invidiano». Concludendo così il suo intervento introduttivo: «Non dimentichiamoci poi dell’organizzazione ACT che ci regala sempre gradite sorprese, nei bei momenti trascorsi insieme».

Si è poi passati all’appello nominale dei Soci dove su 35 tesserati erano presenti in 20, un bel numero trattandosi della prima volta e di tre volte superiore rispetto alla prima Assemblea, sia pure non ufficiale, tenutasi l’anno scorso dove si era deciso tra i pochi presenti di costituirsi come associazione statutaria, pertanto ai convenuti è stato chiesto di confermare quanto appena accennato.

All’unanimità i 20 presenti hanno ratificato l’intenzione di dotarsi di uno statuto.

Prima di passare alla discussione sullo statuto, c’è stata una se pur breve relazione del Presidente in carica che ha rimandato alla lunga lettura del resoconto presentato in un sobrio e caratteristico fascicoletto distribuito ai presenti dove in copertina figurava un disegno particolare rappresentante una “ventotto” milanese.

Anche in questo caso l’organizzazione ACT si è distinta perché ogni Socio, grazie allo stampato, aveva la possibilità di seguire passo passo tutti i punti all’ordine del giorno, spazio per prendere gli appunti grazie anche ad una penna donataci da ATM, unitamente ad un fumetto ed un puzzle a soggetto trasportistico, gadget a sorpresa, sicuramente graditi agli ACT.

(Possiamo aggiungere, anche se non legato all’Assemblea, il fatto che ai Soci presenti il nostro Pagnoni ha donato loro un libro da lui scritto in ricordo di suo fratello).


Introduzione di Paolo Pagnoni

Presidente dell’ACT attualmente in carica


L’ACT conta 35 Soci e tutti hanno parimenti diritti in virtù della quota versata per l’anno 2011. Pertanto la suddetta Assemblea sarà ritenuta valida solo a seguito dell’espressione da parte della maggioranza dei presenti all’Assemblea stessa e che è così sovrana per ogni decisione presa.

Ho l’onore di aprire questi lavori dandovi in anticipo una bella notizia: sembra (il condizionale è d’obbligo) che avremo una nuova Sede tutta per noi, per cui già nell’approvazione dello statuto che vi è stato inviato in precedenza, in modo da prenderne visione, la prima modifica è d’obbligo, non troverete nell’articolo 1 la sede visto che a tutt’oggi non siamo ancora stati informati della locazione.

Come da ordine del giorno, anticipato via mail e che trovate nella documentazione sul tavolo, in questa sede dovrà essere approvato lo statuto ACT con le relative proposte e modifiche a seguito del dibattito che andremo a fare. Vi chiedo però di astenervi dal cercare “cavilli” sullo scritto, salvo gli errori materiali d’ortografia naturalmente, quando poi la sostanza non cambia, il volere a tutti i costi uno Statuto minuzioso e fiscale si addice a quelle Associazioni che hanno un rendiconto fiscale, cosa che noi attualmente non ci possiamo permettere, ovvero io personalmente non me la sento di buttare al vento una parte delle quote versate a favore del fisco, però se da questa Assemblea uscirà un’altra direzione di intenti non ho nessun problema ad adeguarmi rispettando le decisioni prese a maggioranza.

Come ho fatto l’anno scorso, di seguito vi elenco le vetture tranviarie con loro disponibilità e costi di noleggio


1822 Leoncavallo gialla

= 380 €

1894 Baggio gialla

= 380 €

1936 Messina gialla

= 380 €

(usata per Tram di Natale 2010)

1503

= 490 €

1723 biverde

= 400 €

1702 bianca

= 480 €

1847 biverde

= 400 €

= 480 € (con prese a 220 V)

1699 Tramito

= 400 €

1957 Scuolaintram argento (non noleggiabile, ma usata da ACT per tram 25°)

1927 Scuolaintram verde (non noleggiabile ???)

5137 (ferma in attesa di manutenzione straordinaria)

609 due assi a cancelletti

= 400 €

701 due assi SMRF

= 500 €

711 due assi SMRF

= 500 €

(tram di San Biagio 2011)


Come si evince dall’elenco, le prime tre vetture di colore giallo sono quelle attualmente messe a disposizione da ATM Servizi per i noleggi speciali, nonostante ciò noi siamo riusciti ad uscire con la vettura “scuolaintram” argento in occasione del nostro 25°. Ciò fa ben sperare per altre scelte al di fuori dell’elenco ufficiale. Per il prossimo noleggio (vettura a catalogo) ATM Servizi ci ha riservato uno sconto del 10%.


Elenco i programmi già previsti per il 2011

  • Tram di San Biagio vettura 711 – oggi 6 febbraio 2011
  • Tram del vino novello vettura 1847 – sabato 12 novembre la sera
  • Tram di Natale vettura 701 o “ventotto arancione” – domenica 18 dicembre
  • Visita al deposito bus di Monza Borgazzi


Proposte per 2011 da precedente Assemblea

  • Visita al deposito di Varedo con tram speciale Varedo-Limbiate Ospedale-Varedo
  • Tram di Firenze


Relazione sull’attuale situazione ACT


L’ACT è oggi una Associazione riconosciuta ufficialmente da ATM.

Se i presenti lo ritengono opportuno, l’ACT oggi potrà configurarsi come Associazione con Statuto regolamentare, ed in seguito registrata con atto ufficiale.

Attualmente risulta registrato a nome di Paolo Pagnoni Presidente ACT solo il Logo ACT ® alla Camera di Commercio. Per questo: preciso che l’ho fatto a suo tempo quando sono iniziate le prime defezioni di persone che poi si vantavano di essere loro gli Amici del Tram di Milano. Se non altro almeno il “logo” non se lo potevano portare via; comunque per nostra fortuna, queste persone non sono riuscite nei loro intenti, anzi il loro gruppo è inesistente salvo il raccogliersi unitamente ad altri per organizzare viaggi speciali in tram ai quali so che partecipano tranquillamente numerosi nostri Soci, quindi oggi l’ACT è e rimane l’unica Associazione di Amici del Tram ufficialmente riconosciuta dalle istituzioni lombarde ed intendo: Regione Lombardia, Provincia di Milano, Comune di Milano ed ATM.

A seguito della notizia sopra riportata della nuova sede è venuto nel frattempo a meno l’obbligo di fare la tessera di frequentazione della bocciofila per almeno 10 soci, oggi siamo comunque loro ospiti.

Avendo nella precedente Assemblea all’unanimità i presenti con voto palese accettato la proposta di Associazione statutaria con rispettivo regolamento, al termine del mio intervento sarà chiesto ai Soci tesserati presenti, sempre tramite voto palese, la conferma di quanto stabilito in precedenza da possibili Soci presenti ma non ancora tesserati, pertanto a seguito di questo voto, nello stesso momento, l’Assemblea verrà dichiarata dal Presidente ACT, sovrana nelle decisioni che si andranno a prendere durante lo svolgimento della stessa.

È giusto inoltre che vi comunichi l’emissione di tre tessere in forma gratuita, e destinate a persone che hanno lavorato con abnegazione per far sì che l’ACT abbia raggiunto risultati molto positivi soprattutto nei confronti del pubblico.

Cristian Barenghi: stand di Novegro, sia 2009 sia 2010.

Gianluigi Ferrari: per Novegro 2010.

Alessandro Muratori: webmaster, per aver ideato il nostro nuovo Sito nell’estate 2010.

Ai Soci è garantita la rivista ACTUAL, nostro bollettino interno per l’anno 2011, la quale sarà distribuita durante la presenza ai viaggi speciali oppure consegnata direttamente a casa, spedita se fuori Milano.

Oggi tra l’altro i presenti ricevono il primo numero di ACTUAL dell’anno (n° 11-2011), nel quale per la prima volta appaiono due articoli firmati o siglati di due nostri Soci, il tutto è stato fatto per accontentare quei Soci che da tempo chiedevano di potersi cimentare nella pubblicazione dei loro scritti.

Concludo che anche per l’anno 2011 i Soci ACT hanno la possibilità di servirsi gratuitamente dei servizi legali offerti da Assoutenti Lombardia (Associazione di Consumatori) in caso di richieste di risarcimenti e conciliazioni con società di trasporti ed utenze sia pubbliche sia private.


Relazione finanziaria anno 2010


Nonostante che il tram di Natale si sia concluso in perdita, vista la scarsa partecipazione di pubblico, alla quale però ha fatto onore la presenza dei Soci, grazie all’esposizione di Novegro il passivo globale è stato alquanto ridotto.

Con il Consiglio Direttivo provvisorio ho proposto comunque di partire da “0” in modo da avere sin dall’inizio una chiara dimostrazione di trasparenza nei confronti di chi ha versato la quota per il 2011 dandoci la fiducia necessaria per poter portare avanti questa nuova sfida ACT nel prossimo futuro, con l’augurio a tutti noi di andare oltre.

Praticamente tutto quanto fatto prima del 31 dicembre 2010 ed avanzato da ACT, sarà dovuto a ripianificare le perdite del 2010, mentre tutto quanto sarà fatto a partire dal 2011, sarà messo a rendicontazione sul libro contabile dell’Associazione.

Di conseguenza ad oggi posso dire che in cassa ci sono le quote versate dai 32 Soci paganti a seconda del valore della quota versata, che ricordo sono state stabilite in: 50 € Socio, 30 € Socio junior o familiare.

Auguro a tutti voi buon lavoro

Paolo Pagnoni Presidente ACT


INIZIO LAVORI


A seguito dell’esposizione fatta dal Presidente alcuni Soci sono intervenuti soprattutto sui viaggi e facendo domande attinenti a quanto detto senza tenere conto dei punti programmati. Accontentati comunque i Soci con alcune precisazioni sui viaggi come Firenze dove chi si era preposto a suo tempo non ci ha nemmeno degnato di risposta, per quanto riguarda il tram di Varedo si è preferito rimandare in attesa di avere in cassa una somma sufficiente a sostenere un eventuale passivo visti gli alti costi di noleggio. A questo punto Muratori ha dovuto riprendere per bene in mano “le redini” dell’Assemblea per affrontare la discussione sullo Statuto, che era stato a suo tempo inviato a tutti i Soci, i quali a loro volta avevano già comunicato le loro perplessità e domande. Nel fascicoletto, infatti, lo statuto si presentava stampato nella versione originale con le dovute modifiche a seguito delle comunicazioni dei Soci, ma altro è uscito fuori dalla platea del 6 febbraio.

Hanno preso così la parola i Soci:

Fornaroli – precisazioni sulla Sede che sarà inserita nello statuto (previo quindi modifica) solo quando l’ACT avrà una sua sede indipendente.

Uboldi – tematiche riferite all’Archivio storico che sarà a sua volta sistemato solo quando l’ACT avrà uno spazio adatto e con possibilità di consultazione.

Kaiblinger – deleghe per ora non accettate dall’Assemblea 18 voti contrari e solo due a favore. È stato precisato che la nostra è una Associazione amatoriale e se quindi non ci si presenta all’Assemblea è come fare un abbonamento alla rivista ACTUAL. Nulla però vieta in un prossimo futuro con molti più iscritti di modificare anche questo comma.

Carsana – notizie riservate che ACT comunica ai Soci e che non devono essere divulgate ad altri, si specifica che trattasi di notizie interne del Gruppo e che quindi non sono di dominio pubblico.

Anzani – chiede la possibilità di inserire i ricorsi dei Soci in caso di sospensione.

Balestrazzi – intervento mirato su alcuni punti con cancellazione soprattutto di ripetizioni e modifiche di alcune parole nel testo.

Nello stesso contesto si è trattato anche di due altri punti, non fondamentali ma collegati ugualmente allo statuto:

Anzani – Richiesta di non sovrapporre la scritta velata ACT sulle foto della mail: ma che l’Assemblea ha respinto con 18 voti a favore della sovrapposizione, contrari solo 2. A questo punto però si è deciso che i Soci tesserati possono richiedere le foto senza soprascritta, ma con l’impegno a non divulgarle agli amici degli amici.

Lo statuto ACT proposto è votato all’unanimità.

Su invito di Muratori il Segretario chiede all’Assemblea a presentare i nominativi delle persone che si propongono a far parte del Consiglio Direttivo.

Si candidano:

BENOTTO Ettore – FORNAROLI Agostino – MOLTENI Giovanni – SFARGERI Guido – COSTA Roberto – MURATORI Alessandro – PAGNONI Paolo – DEBERNARDI Michelangelo.

L’Assemblea vota all’unanimità il Consiglio Direttivo così composto di otto persone.

Muratori annuncia la votazione per le quote associative: il Segretario dell’assemblea comunica che le quote sono di 50 € socio e 30 € junior o familiare.

A tale proposito interviene il direttore dell’ACT Roberto Costa spiegando all’Assemblea il perché dell’inserimento di una quota “junior” di 30 €, come per i familiari, riservata ai ragazzi e che fino ad ora ha dato buoni risultati.

L’Assemblea vota all’unanimità le quote proposte anche per l’anno 2012.

Muratori, a seguito dell’esposizione fatta in apertura dal presidente dell’ACT, salta il punto sulla votazione della relazione finanziaria, visto che, chiusasi in passivo per l’anno precedente, è stata azzerata d’ufficio dal Consiglio Direttivo provvisorio e quindi non c’è nulla da approvare.

Muratori apre la parentesi viaggi 2011, in cui si notano appassionati interventi da parte di molti Soci, ma Pagnoni li blocca subito un po’ tutti, facendo già una premessa: «se almeno i 20 presenti mi assicurano la loro partecipazione ad un viaggio, non ci sono problemi ad organizzare tutto quello che si vuole», a questo punto da parte dell’Assemblea non c’è nessuno che si esprime in merito: ovvero confermare seduta stante una partecipazione ed è giusto che sia così, aggiunge Pagnoni, come si può già oggi dire «sì, io ci sarò», con tutti gli imprevisti che possono sopraggiungere nel corso dei prossimi mesi.

Viene comunque definito un calendario provvisorio, e che diventerà definitivo solo dopo aver verificato con l’aiuto dai Soci, se non ci saranno sovrapposizioni con manifestazioni importanti alle quali si vorrebbe partecipare anche se organizzate da altri gruppi.

  • 6 marzo – domenica la mattina visita al deposito dei bus di Monza Borgazzi.
  • 10 aprile – domenica la mattina visita alla nuova rimessa dei Meneghino di Precotto ed il pomeriggio viaggio in tram con “ventotto” particolare.
  • Una domenica entro la metà di maggio – viaggio su di una ferrovia secondaria italiana con noleggio di treno speciale. Manifestazione organizzata insieme ad altro gruppo di appassionati.
  • 29 maggio – il pomeriggio “tram di primavera” viaggio con la 609 a cancelletti. La mattina visita ai lavori di modifica del deposito tranviario di Baggio.
  • 18 settembre – viaggio a Torino con giro speciale utilizzando la MRS ex Roma 312.
  • 13 novembre – il pomeriggio “tram del vino novello” per prova si è deciso di posticipare alla domenica pomeriggio questo servizio speciale.
  • 18 dicembre – il pomeriggio “tram di Natale” con vettura (1689)  sponsorizzata Campari.

Questi viaggi sono votati all’unanimità.

Ormai siamo alle battute finali e Muratori chiede ai Soci se ci sono altri interventi.

Carsana – chiede come Settore Ferrovie Turistiche più attenzione ai viaggi in treno.

Fornaroli – domanda di istituire un calendario generale sul sito dove i viaggi ACT debbano essere evidenziati in neretto.

Il segretario chiede ai soci di comunicare all’ACT se sono al corrente di viaggi organizzati ad altre Associazioni.

Muratori spiega però che dovrebbero essere le altre Associazioni a comunicarci i loro viaggi che tra l’altro già trovano posto nella nostra pagina appositamente istituita nel sito come : “ACT propone” e nella quale già c’è inserito un viaggio speciale con un bus storico.

Muratori chiudendo i lavori ringrazia per l’attenta partecipazione tutti i Soci anche per i qualificati interventi, subito dopo il nostro organizzatore invita tutti i Soci presenti e gli ospiti ad un ricco aperitivo preparato nell’ampia sala della bocciofila di Baggio e che ha visto lo svolgersi della prima Assemblea ufficiale della storia dell’ACT.


TRAM DI SAN BIAGIO


Domenica 6 febbraio, conclusasi la mattina la prima assemblea ufficiale dell’ACT con un sontuoso rinfresco, il gruppo dei presenti si è trasferito nell’attiguo ristorante per il pranzo dove i Soci hanno passato così un’ora abbondante in conviviale compagnia.

Il bel tempo con temperatura mite ha visto poi l’assembramento dei numerosi partecipanti al viaggio speciale, alcuni provenienti dall’estero, davanti al deposito Baggio in tempo utile per la registrazione e la partenza in perfetto orario.

Alle 14.20 ecco aprirsi l’enorme portone del deposito Baggio ed apparire la splendida 711 rimessa a nuovo come avevamo pubblicato negli ultimi mesi dell’anno precedente. Inizia così una miriade di scatti fotografici da far invidia alle star del cinema e della tv.

Con il preoccupato Mauro, nostro “manetta”, si parte verso il centro città per raggiungere la circonvallazione percorrendo i binari di via delle Forze Armate che ormai hanno i mesi contati.

Ma perché preoccupato, chiederete Voi? Eh purtroppo alcune sere prima la 609 a due assi è deragliata durante un servizio speciale e sembra che il conducente abbia subito per questo una sospensione dal servizio, così ci è stato detto da alcuni tranvieri in deposito prima di partire.

Ad andatura molto lenta ci si è comunque avviati per il nostro tragitto sapientemente predisposto per l’occasione, tanto che quando arriviamo in piazza De Angeli, due giovani appassionati fotografi a sbafo si lamentano pure del nostro ritardo… mah!

La 711 nella giornata a piedi è comunque regina incontrastata anche delle strade della città, dove il traffico c’è comunque e si vede tra taxi e permessi e chi va a metano e chi ha il contrassegno dell’handicappato, etc etc.

La foto scattata in piazzale Baracca attira l’attenzione dei passanti anche perché il nostro accompagnatore deve impersonare “quel de la gugia” ovvero manovrare lo scambio a mano con una leva, sotto lo sguardo attento del conducente, il divertimento dei partecipanti all’evento e la sorpresa appunto dei passanti.

Le foto non sono state tante, visto il lento andare della 711, ma significative come quella all’Arco della Pace finalmente fotografabile per intero visto che da un po’ di tempo a questa parte sono sparite le coperture dovute al restauro.

Si percorre anche via Procaccini, ormai diventata una strada senza tram di linea, ma utilizzata comunque per i trasferimenti delle vetture.

La salita sul ponte di via Farini che scavalca il fascio binari di Porta Garibaldi mette a dura prova i due motori della 711, ma l’arzilla vetturetta supera brillantemente senza problemi la pendenza.

In piazza Maciachini prima sosta prevista del giro speciale, vede l’alternarsi di numeri e velette sulla vettura che fanno entusiasmare ancora di più i partecipanti.

Si prosegue sulla metrotranvia 4, una modernità che non si addice alla 711, percorsa poi tutta la sede riservata di Ca’ Granda ci si immette in viale Fulvio Testi dove la 711 si arresta per i fotografi armata di velette della linea 11.

Un tram della linea 5 sopraggiunge dietro e dobbiamo subito ripartire verso la Centrale dove il conducente si dimentica di fare l’anello per mettersi in coda ad una vettura della linea 9 che ci incalzerà per tutta la circonvallazione fino a Porta Lodovica impedendoci così di fare altre foto alt.

Ma il nostro organizzatore non si arrende e riesce così a farci fare un’altra foto alt a Porta Romana con sullo sfondo l’antica porta.

Rientrati per il centro città, visto il blocco di piazza XXIV Maggio causa lavori sostituzione binari, arriviamo in piazza Duomo dove la 711 si dove aprire un varco tra l’oceanica folla milanese presente, tutti a piedi naturalmente: lo stupore per il nostro transito è grande e numerose sono le fotografie scattate con i telefonini dai passanti.

Al grido: «tutti a piedi, noi in tram», la 711 si riavvia verso Cordusio passando senza arrestarsi dall’affollata fermata di via Orefici, dove i viaggiatori in attesa dei tram guardano stupiti la nostra vettura piena all’inverosimile, siamo infatti in 37 ben pigiati tutti quanti.

Sono le 17.00, è d’obbligo cambiare il nostro percorso per fare rientro al deposito Baggio per tempo. Così, anziché procedere per piazza Castello e poi tornare in centro, ci avviamo direttamente per corso Magenta fino a Santa Maria della Grazie dove possiamo scattare l’ultima importante foto davanti alla chiesa rinascimentale sede del Cenacolo Vinciano.

L’ultima sosta la facciamo in piazza De Angeli dove alcuni Amici del Tram ci lasciano per prendere così comodamente la metropolitana. Noi poi ripartiamo per il deposito Baggio dove all’arrivo possiamo vedere i lavori di posa dei nuovi binari.

L’ultima foto scattata al rientro della vettura in deposito, vista l’ora tarda fatta con la luce fioca di un tardo pomeriggio invernale, ci dà l’emozione di altri tempi quando le foto venivano impresse sulle lastre del primo Novecento, sia pure con la variante del colore.

È stato così inanellato un altro successo nei viaggi in tram organizzati dall’ACT.

ACT

ultimo aggiornamento dell’articolo: 9 febbraio 2011

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail