Milano-Limbiate: qualche anno ancora e poi?

Share Button

Assemblea pubblica a paderno dugnano

Si è svolta venerdì 16 giugno 2017, presso la Sala Consiliare del Comune di Paderno Dugnano, ente patrocinante, un’assemblea pubblica promossa da UTP (Associazione Utenti del Trasporto Pubblico), dal Gruppo Naturalistico della Brianza e dal gruppo “Salviamo il tram della Comasina”.

All’incontro erano presenti gli assessori Granelli di Milano, Tonello di Paderno, Ceschini di Limbiate, Boccafoglia di Varedo, la Consigliera con delega alla mobilità di Città Metropolitana, Siria Trezzi, gli ingegneri di Metropolitana Milanese e due tecnici della Provincia di Monza e Brianza e della Regione, ente che per primo si è impegnato a stanziare i fondi per la messa in sicurezza.

Assente è stata, invece, la dirigenza ATM la quale ha però inviato un comunicato dove illustrava cosa si sta facendo oggi per la messa in sicurezza. Gli interventi riguardano il censimento di tutti i passi carrai, la loro messa in sicurezza tramite segnali ottici e luminosi, la sostituzione delle traversine ammalorate, di parte dei binari e di qualche elemento della linea aerea.

Si sono poi illustrate le vicende dalla revoca del nulla osta all’esercizio fino al salvataggio in extremis, quando proprio si stava rischiando di dire addio al Frecciarancio. «Dal Primo Maggio, per il rotto della cuffia si è evitata la sorte della Desio», seppur con un servizio ridotto ma indispensabile ad evitare l’abbandono della linea. Leggi tutto “Milano-Limbiate: qualche anno ancora e poi?”

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Milano-Limbiate: a presto, Frecciarancio!

Share Button

Frecciarancio in “vacanza”

È partita sabato 10 giugno alle ore 20:39 da Comasina, verso il deposito di Varedo, l’ultima corsa dell’interurbana Milano-Limbiate, prima della messa in sicurezza imposta dall’USTIF e resa necessaria dopo anni di scarsa manutenzione.

Da lunedì 12, la tranvia sarà sostituita da corse automobilistiche nell’intera tratta.

Piccoli spiragli di luce in fondo al tunnel si intravvedono: sono già arrivate in deposito nuove traversine che andranno a sostituire quelle che non vennero rinnovate quattro anni fa, in occasione di una simile sospensione.

le nuove traversine presso il deposito di Varedo

Lunedì 12 giugno sono state effettuate in linea le prove con motrice dotata di sagoma limite d’ingombro, queste prove servono soprattutto per il capitolato della fornitura dei nuovi 20 tram bidirezionali previsti dal Comune di Milano e dei quali 6 saranno messi in servizio sulla linea di Limbiate.

la 92 con i profili di ingombro. (12-06-’17)
la 92 sul tronchino di Comasina. (12-06-’17)
la 92 per la prima in assoluto volta percorre il secondo binario di Comasina. (12-06′-17)

Il Comune di Cormano ha inoltre reso noto che inizieranno martedì 13 giugno (per concludersi il 30 luglio, salvo imprevisti) gli interventi manutentivi in corrispondenza dei binari e degli attraversamenti carrabili. I lavori saranno eseguiti tutti i giorni (sabati e domeniche compresi) dalle 08.00 alle 19.00. Durante tali attività verranno utilizzate attrezzature manuali e macchine operatrici (caricatore). Sarà occupata saltuariamente la carreggiata adiacente alla sede tranviaria per effettuare le operazioni di scarico e carico del materiale.

primi lavori sull’interurbana Milano-Limbiate. (13-06-’17)

In settembre dovrebbe essere prevista una riapertura parziale con trasbordo a Varedo (ma la decisione definitiva sarà più avanti), per consentire il proseguimento della messa in sicurezza e per poter essere di nuovo a regime nel gennaio 2018.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Milano-Limbiate: dal 1°maggio servizio ridotto

Share Button

Dal 1° maggio fino al 10 giugno il “FRECCIARANCIO” non sfreccerà più come sempre ha fatto, la circolazione sarà effettuata da soli due convogli che in località Cassina Amata si affiancheranno in modo da permettere lo scambio dei viaggiatori diretti a loro volta a Limbiate o Milano, una cosa insolita ma è nelle pretese dell’USTIF che vogliono la “sicurezza” (USTIF che dell’indisciplina degli altri rispetto al tram non vogliono sentir ragioni; perché, in caso di incidente c’è sempre pronto un Giudice a condannare il fatto perché lo si poteva evitare, ed a questo punto come dargli torto?) e che i tecnici di ATM si sono trovati nell’ultimo ponte del 25 aprile a studiare per non chiudere completamente l’esercizio, lasciando così a disposizione dei “vandali” la linea. Leggi tutto “Milano-Limbiate: dal 1°maggio servizio ridotto”

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Milano-Limbiate: pronto il progetto per la messa in sicurezza

Share Button

comunicato dell’assessore ai trasporti di milano, marco granelli

Si è svolto il 7 aprile 2017 un incontro fra i rappresentanti dei comuni di Cormano, Paderno Dugnano, Varedo, Limbiate, dell’assessorato alla Mobilità di Milano, della Città Metropolitana e Atm per approfondire il progetto di messa in sicurezza della linea metrotranviaria Milano-Limbiate come richiesto dall’USTIF (Ufficio Speciale Trasporti a Impianti Fissi).

Il progetto di messa in sicurezza che verrà presentato all’USTIF nei prossimi giorni prevede un sistema di segnalamento e protezione per ovviare ai problemi legati alla vetustà della linea tranviaria che corre su un unico binario. L’USTIF dovrà valutare se il progetto è sufficiente a consentire il proseguimento del servizio di trasporto. Leggi tutto “Milano-Limbiate: pronto il progetto per la messa in sicurezza”

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Milano-Limbiate: l’assessore Sorte scrive ai Comuni

Share Button

Dopo le notizie rassicuranti delle scorso mese, giunteci dalla consigliera con delega alla mobilità di Città Metropolitana, Siria Trezzi, circa l’incontro tenutosi in Regione lo scorso novembre tra tutti gli Enti coinvolti dove era emersa la disponibilità della Regione a partecipare economicamente al salvataggio della tranvia extraurbana Milano Limbiate, l’assessore regionale ai trasporti, Alessandro Sorte, scrive ai Sindaci dei Comuni della tratta. Leggi tutto “Milano-Limbiate: l’assessore Sorte scrive ai Comuni”

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Intervista al Presidente sulle tranvie di Desio e di Limbiate

Share Button

una parola chiara e decisiva

Intervista a Paolo Pagnoni, componente di #CRCU (comitato Regionale Consumatori Utenti) Regione #Lombardia. Gli è stato chiesto cosa sta succedendo sulla linea Milano-Seregno.

– Pagnoni: Mentre il tutto il mondo è un proliferare di costruzioni di nuove tranvie, noi che a Milano abbiamo la fortuna di averne ancora due extraurbane, una funzionante quella di Limbiate e l’altra in ricostruzione, quella di Desio-Seregno, si fa di tutto per distruggerle.

La linea di #Limbiate riqualificata dall’ex Assessore alla mobilità Maran facendo spendere, al Comune di Milano, ben 6 ML di euro, rischia di chiudere per mancanza di rinnovo dei tram stessi, quando basterebbe fare loro una revisione all’impianto frenante sostituendo i tubi dell’aria con nuovi di rame e quindi piccola spesa, ed aggiungendo una carrozza in più rispetto alle tre esistenti, in attesa della riqualificazione della linea promessa dalla Senatrice Censi e del Ministro Del Rio a suo tempo, a cui Sala però ha sottratto i 60 Mln di euro stanziati del #Governo e destinati alla ricostruzione della tratta fino a Varedo per passarli ad #Expo.

Nonostante che la Regione Lombardia sia disposta addirittura al prolungamento della tranvia fino alle Groane per interscambiare con la S9.

– L.F.: Per la linea Desio-Seregno sta invece succedendo l’incredibile

– Pagnoni: perché un sedicente Comitato contro l’abuso di suolo, ma quando hanno costruito le loro personali villette l’abuso di suolo non c’era? sostenuto a viva voce dal M5S di Seregno solo per mera questione di voti, come fanno tutti i partiti d’altronde, alla faccia del Movimento a favore dei cittadini di cui si vantano. Proprio così, perché nonostante i lavori siano iniziati, questi hanno presentato un’interpellanza affinché i lavori vengano subito fermati, e sono disposti perfino a stendersi davanti alle ruspe.

Nonostante che l’ex assessore Maran avesse dichiarato a suo tempo che le due tranvie erano di importanza vitale per l’afflusso degli studenti e dei lavoratori verso Milano, mentre Granelli tace. Soprattutto perché le linee ferroviarie che dicono essere parallele, ma non di certo a #Limbiate che ha solo il tram, sono oramai sature visto i treni dove si fa fatica a salire, vedi i vari reportage dell’omino con lo stura lavandini in testa.

Mentre il tram effettua un percorso con fermate capillari tra i vari centri importanti e nei quali tra l’altro ferma in qualche caso solo il treno. – Senza trascurare, ha aggiunto Paolo Pagnoni – Che la tranvia di Desio-Seregno è di vitale importanza tra l’altro per il collegamento diretto con l’Ospedale di Desio e che serve sia alla stessa Desio ma soprattutto a Seregno che vi è confinante, ma collega anche l’Ospedale di Niguarda a Milano.

Ma è evidente che questo sedicente Comitato, che ha aperto una pagina su #Facebook dove accoglie tutte le proteste che a loro fanno piacere, purtroppo “bannano” chi gli scrive contro e gli dimostra il contrario delle cavolate che dicono, non ha mai visto un #Ospedale e non vi sono anziani che hanno bisogno di recarvisi per le dovute cure e che di certo non possono guidare ma attendere l’unico bus che passa ogni ora.

Tra l’altro dopo aver bloccato questa Opera necessaria alla mobilità dolce per più di dieci anni, ora ci vengono a dire che è vecchia e superata, ed al suo posto si dovrebbero mettere autobus elettrici di nuova generazione che sono ancora sperimentali e non danno nemmeno la continuità di esercizio visto la carica delle batterie insufficiente per un simile servizio dato che durano per poche centinaia di chilometri, mentre il tram funziona sempre dalla mattina alla sera, questo significherebbe l’acquisto del doppio dei bus, raddoppiando se non triplicando la spesa visto i costi altissimi di questi veicoli che poi sono destinati come telaio e carrozzeria a durare come i normali bus, quando i tram ci sono già e sono stati finanziati dal Governo.

Dunque è solo che l’ATM di par suo non li ha ancora attrezzati per questa linea, a meno che questi soldi se li è mangiati l’amministrazione Pisapia a suo tempo togliendo dalle casse #ATM ben 120 Mln di Euro.

– L.F.: dunque mancanza di impegno a risolvere, per quale ragione?

– Pagnoni: è semplice la risposta, si sa che i tram non portano sostanziose tangenti perché durano più degli autobus, non consumano gasolio e nemmeno pneumatici (come quelli elettrici tra l’altro) tutti derivati del petrolio guarda caso, come dire che l’Italia è ricca di petrolio, tanto da impedire anche le trivellazioni.

Pagnoni conclude dichiarando: Come succede spesso nel nostro Bel Paese si vuole la botte piena e la moglie ubriaca!
Sì e no però. In questo caso però è NO perché si vuole solo ed esclusivamente circolare indisturbati con la propria auto, e quando si fanno lunghe code sulle vecchie statali durante tutto il giorno e non solo nelle ore di punta, non è piacevole vedersi superare da un veloce tram che corre in corsia riservata.

Auspicavamo un intervento della Regione Lombardia a favore dei cittadini ,ma da qualche settimana ci ha informato Paolo Pagnoni, la Regione Lombardia ha votato per la costruzione della tranvia o #metro #tranvia votando contro il #PD ed il #M5s.

 

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail