L’ACT a Volandia

Share Button

Andare a vedere Volandia è come fare un tuffo nel passato, però viaggiando con la tecnologia del presente. Siamo arrivati al terminal 1 di Milano Malpensa aeroporto, velocemente con un treno moderno tipo Coradia, e quando siamo scesi sul marciapiede di stazione abbiamo subito notato due cimeli storici ferroviari delle FNM, una sala motore completa di ingranaggi OM ed un motore di trazione TIBB, entrambi appartenenti ai primi locomotori gruppo E600 delle FNM (Ferrovie Nord Milano).

Saliti al piano imbarchi per poi andare verso Nord ed uscire dalla aerostazione, dopo essere passati su un viadotto ci siamo ritrovati davanti ad un cancello di servizio dove eravamo attesi dai volontari di Volandia, che così ci hanno evitato di fare il lungo giro nel bosco.

La visita inizia salendo su per due scalette simili a quelle per gli imbarchi sugli aerei, ma appena entrati, anziché incontrare una hostess che, dandoci il benvenuto a bordo, ci indica il posto a sedere per la trasvolata, ci siamo trovati come in una veduta aerea davanti al grande plastico in scala H0 lungo 15 metri dove si possono notare una miriade di convogli in miniatura, fra tram e treni, filobus ed autobus, modelli di aerei e mongolfiere che volano sopra il plastico stesso con paesaggi modellistici tra montagne con arditi ponti e pianure piene di ferrovie con tanto di stazioni e depositi e centri abitativi. Leggi tutto “L’ACT a Volandia”

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail