Hobby Model Expo – Novegro

Share Button

È stato un Novegro “amarcord” quello di quest’anno, perché ci siamo ritrovati come ai primi tempi senza un stand ben definito, solo tavoli, ed abbiamo condiviso la nostra esperienza con altre gradite persone. Il successo non è comunque mancato perché l’importante era far divertire i visitatori soprattutto quelli più giovani e ci siamo, come sempre, riusciti in pieno. E come sempre una novità anche se riutilizzando un circuito tranviario in scala “N” già proposto all’interno di una botte, quest’anno l’abbiamo presentata. Abbiamo infatti sistemato il circuito tranviario su di un pallet, si proprio un bancale di quelli di legno, incorniciandolo con il pezzo superiore di un retro di un tram vero, una cosa mai vista sino ad ora naturalmente e che solo l’ACT poteva proporre. I nostri ospiti hanno invece portato degli autentici gioielli di tram in scala “G”, tutti funzionanti dal “gambadelegn” di tipo tedesco, alle Edison che andavano e venivano, e addirittura il tram a cavalli con tanto di equino che trottava sulla strada appositamente costruita, uscendo da una rimessa appositamente costruita, una chicca unica nel suo genere. Discorsi sui tram erano sulla bocca di tutti i nostri visitatori mentre i loro figli si divertivano a giocare con il controller K35 fingendosi alla guida di un vero tram con tanto di scampanellio, faro e frecce funzionanti sul frontale di legno auto costruito. Successo anche per le due monografie ACT stampate per l’occasione: la prima sulle vetture 4900 dell’ATM di Milano e la seconda sui filobus serie 900 sempre di ATM Milano. Tre nuovi Soci si sono aggiunti al Gruppo che prevede in un prossimo futuro alcune innovazioni per ritrovarci in compagnia anche senza noleggiare costosi tram. Tram che comunque continueremo a fare nonostante le difficoltà finanziarie.

Leggi tutto “Hobby Model Expo – Novegro”

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Hobby Model Expo Spring Edition

Share Button

L’ACT ha esposto a Novegro di primavera, sabato 1° e domenica 2 aprile 2017, con numerose novità, nella corsia B, n. 25-26 (scarica la mappa).

È aperto il concorso, riservato ai soli i Soci ACT, per dare un nome alla nuova stazione ferroviaria del tracciato ferroviario esterno dove gireranno convogli a vapore di fine Ottocento delle FNM. Il tracciato è in fase di rifinitura sul plastico “gambadelegn” in H0 che cambierà il nome in “plastico tram e treni”, richiamando così il sottotitolo della nostra rivista ACTUAL, sia tram sia treni.

Dopo gli ultimi ritocchi estetici ed un’accurata pulizia dei binari, la locomotiva FNM Gr 270 “CASTANO” modello Rivarosssi. e il Gambadegn hanno iniziato a macinare i loro primi chilometri sul plastico rinnovato.

Molti bambini erano interessati al nostro plastico e giocavano guidati dai nostri giovani Soci Michelangelo e Jonathan.
Si è conclusa con successo l’edizione primaverile di Novegro con ben tre nuovi Soci Junior iscritti.
Dopo gli ultimi ritocchi estetici ed un’accurata pulizia dei binari, la locomotiva FNM e il Gambadegn hanno iniziato a macinare i loro primi chilometri sul plastico rinnovato.

Leggi tutto “Hobby Model Expo Spring Edition”

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Un fantastico 30° per l’ACT

Share Button

Una giornata memorabile per l’ACT, che ha sfoggiato la nuova sede in concomitanza col 30° dalla fondazione.

Share Button

Il 18 ottobre 2015
Buon compleanno ACT!

Il 18 ottobre 2015 sarà ricordato negli annali ACT come lo è stato l’8 ottobre del 2000 quando con le motrici 701 e 711 si è festeggiato il 15° ACT e dove un Socio a gran voce durante il brindisi al taglio della torta disse: «ad altri 15 anni di ACT».

Tutto ciò si è avverato grazie alla costanza dei Soci che sono sempre rimasti fedeli all’Associazione e che oltre a “supportarmi” mi hanno anche diciamolo pure “sopportato”. Il problema, affrontandolo apertamente, è che quando sono in veste di Presidente ACT non sono più il Paolo amico benevolo ed affettuoso con tutti, ma il Pagnoni, come qualcuno mi definisce con il “cognome” un po’ sprezzante a dire il vero e confonde le due cose.

Come Presidente faccio solo ed esclusivamente gli interessi dell’ACT, cerco con tutta la mia buona volontà di organizzare al meglio le manifestazioni portando anche quel pizzico di sorpresa che non guasta mai, ed alla fine dei viaggi chissà il perché, anche se poi qualcosa è andato storto, sono tutti felici e contenti per aver passato una piacevole parte di giornata in amicizia sul tram che è il nostro motto e che non va mai dimenticato.

Premesso ciò, passiamo a raccontare la grande giornata dell’anniversario dei 30 anni di ACT, vissuta dai Soci già la mattina presso la Sede ACT, con i complimenti di chi l’ha vista per la prima volta.

Si è parlato di tram, soprattutto, ma anche si sono messe le basi delle future iniziative che saranno poi discusse in fase di Assemblea.

Nella nuova sede gli Amici del tram hanno potuto ammirare i cimeli tranviari e non, ed è arrivata in anticipo la “befana”, “come come?” direte Voi: la Befana?

Sì, proprio la mattina è arrivato un regalo per il nostro compleanno molto particolare; una serie di cimeli tranviari torinesi, tra cui addirittura un intero controller e due sedili ed altro ancora, pezzi storici che presto saranno restaurati e messi in mostra nella nostra Sede, magari con una speciale giornata dedicata.

Dopo la “pizzata” tutti in compagnia naturalmente, ci si è trasferiti alle porte del deposito Baggio in attesa del grande evento: l’uscita della 711.

Il giro per la città programmato è stato leggermente diverso da quello stabilito per colpa di una manifestazione prevista in via Manzoni, ma in sostanza abbiamo percorso come volevamo una tratta dei binari della futura linea 10, dove la nostra “reginetta” a due assi velettata 10 per l’occasione e munita di cartello inaugurazione linea ha fatto, come si sul dire, la sua, “sporca figura”.

Certo è che il vedere una vettura tranviaria a due assi di tipo antiquato verde chiaro e verde scuro sotto le modernissime torri di cristallo della zona City di Garibaldi ha qualcosa dell’incredibile e le numerose foto scattate ne sono la dimostrazione.

La 711 a Garibaldi anticipa la fututa linea 10 che sarà inaugurata il 1° novembre

Per ben quattro volte siamo passati per il centro attirando l’attenzione dei numerosi passanti e soprattutto stranieri in città in visita in occasione dell’EXPO, tanto che i numerosissimi flash dei telefonini facevano da corollario al nostro passaggio.

la 711 in Cordusio

Tutti a vedere quello strano tram con quelle persone a bordo che stavano in allegria e con un po’ di invidia, diciamolo pure, poi vedevano la vettura allontanarsi senza poterci salire sopra.

foto di gruppo

La sosta in piazza Castello ci ha dato anche la possibilità di vedere il rosso tram del Perù e scattare altre foto.

Tra lo stridore dei bordini sulle curve dovuto al lungo passo del truck e la lama spartineve che anteriormente ogni tanto andava a sbattere sui masselli, il giro è durato le classiche tre ore, anche se siamo partiti un po’ in ritardo per i soliti ritardatari che hanno dato la colpa all’autobus acerrimo nemico del tram e che si è fatto aspettare un po’ a lungo.

A piazza De Angeli gli ACT si affacciano per un’istantanea-ricordo
A Di Santa Maria delle Grazie i fotografi si affrettano a risalire dietro arriva il tram 16 di linea

il rientro al deposito di Baggio

 

Tornati al deposito Baggio, ci si è trasferiti tutti quanti nella Sede per festeggiare degnamente e con calma l’anniversario. Questo lo si è potuto fare grazie proprio alla Sede, se no avremmo dovuto sistemare alla bell’e meglio tutto sul tram con problemi di spazio, soprattutto vista la piccola vettura noleggiata per l’occasione.

Altra ammirazione della nostra Sede da parte di chi non l’aveva visitata la mattina, ma la sorpresa unica nel suo genere è stata la torta, ovvero quando il “Nostro” ha alzato il grande coperchio di un’enorme scatola e tutti hanno potuto ammirare la torta fatta appositamente dal nostro Socio Davide che si è dimostrato essere un valente pasticcere anche se appena diplomato.

la torta

Inutile dire che, sebbene la torta fosse di dimensioni generose, è stata completamente divorata dagli astanti in un batter d’occhio, accompagnata la degustazione da vari vini spumanti e non che hanno reso ancora più felici le persone presenti.

Per concludere sono state accolte anche due nuove iscrizioni all’ACT e si è discusso anche di varie argomenti, dove tutti ci si è trovati d’accordo, come per l’arrivederci al prossimo Tram di Natale del 20 dicembre.

Paolo Pagnoni

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Novegro rimane una fonte di richiamo!

Share Button

Una giornata memorabile per l’ACT, che ha sfoggiato la nuova sede in concomitanza col 30° dalla fondazione.

Share Button

Fine settembre 2015

È stato il Novegro più faticoso della storia ACT, soprattutto per la mancata partecipazione dei Soci nei lavori di trasporto e montaggio, ma ce la siamo cavata lo stesso alla grande, grazie a due Soci volenterosi, Claudio e Cristiano, che hanno messo a disposizione i loro mezzi e le loro braccia.

Inutile dire il successo ottenuto anche quest’anno con le nostre immancabili novità in mostra, mai ripetitive e, se per caso lo sono, hanno comunque un qualcosa in più differente dal passato.

Il nostro stand si presentava con l’ormai famosa scrivania a forma di frontale di tram, quest’anno con faro e frecce funzionanti e ridipinta per l’occasione in biverde con riproducente il n° di serie 1985, ad indicare il trentesimo anno di vita dell’ACT, con tanto di campana tranviaria che quando veniva azionata attirava l’attenzione dei numerosi visitatori: stupiti rimanevano soprattutto i bambini, i quali accorrevano per poi azionare loro stessi la campana, togliendosi così una soddisfazione per loro enorme e facendo felici sia i genitori, sia noi dopo le fatiche affrontate per allestire il tutto. Pensate che una parete dello stand è stata trasformata come una fiancata vera di un tram!

il nostro stand

Era presente il plastico nell’armadio del “gambadelegn” in scala H0 che come soluzione, accattivante per le signore, si vedono i plastici dei mariti occupare spazi della casa, insieme con una novità assoluta unica nel suo genere: «il tram nella botte». Si trattava di un anello in scala N dove circolava un tram di Milano a carrelli in scala sempre N motorizzato dal nostro Presidente e che ha meravigliato tutti quanti perché nessuno poteva credere di poter motorizzare il modellino della “carrello” che viene venduto anche nelle edicole come souvenir di Milano in numerose versioni.

il successo non è di tutti ma di chi sa portare idee nuove e fa stupire gli altri: il tram nella botte ACT è stato il soggetto che ha più meravigliato i visitatori ed è stato il più ammirato e fotografato dell’intera esposizione di Novegro. Alcuni hanno portato grandi cose si, ma erano le solite cose, noi nel nostro piccolo abbiamo portato un plastico del Gambadelegn in scala H0 (plastico nell’armadio) ed il tram in scala “N” nella botte: due piccole cose che ci hanno resi grandi

La botte dotata all’uopo di sportello apribile mostrava all’interno un porta-velette originale dedicato alla ormai “defunta” circonvallazione 29/30, mentre il “trammino” gli girava intorno proprio come una circolare.

Al chiudersi dello sportello tutto si fermava, ma aprendo di nuovo lo sportello si accendeva una luce interna ed il tram ricominciava a girare: una chicca nel suo genere che sarà senz’altro riproposta, ma in versione diversa, visto che è stata l’attrazione più ammirata di tutta la manifestazione modellistica.
Per finire la parte modellistica è stato riproposto dopo diversi anni lo spaccato della stazione della M1 rossa di Wagner sempre in scala H0 e fotografato da molti.

Ottimo come sempre il risultato del rinnovo tessere da parte dei fedeli Soci ACT che ci sono venuti a trovare.

Successo anche per la nuova monografia sulle 5000 presentata in assoluta anteprima a Novegro.

Quest’anno poi, durante la manifestazione, hanno giocato un ruolo importante soprattutto le nuove leve capitanate dal nostro Manuel responsabile della Sede ACT, che fanno ben sperare e non hanno mai lasciato da solo il nostro Presidente a presenziare lo stand dandosi un grandaffare.

La Direzione di Novegro poi ci ha concesso uno stand ben posizionato d’angolo nel padiglione centrale, che ha così premiato i nostri sforzi durante tutti questi anni di partecipazione che dalla nostra parte è sempre stata offerta gratuitamente, ovvero noi non abbiamo mai chiesto contributi e mai lo faremo.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail